Il bollettino del 10 aprile. In settimana arriva il vaccino Johnson&Johnson

Bollettino: sale il tasso di positività, calano i morti. In settimana arrivano le prime dosi del vaccino monodose Johnson&Johnson

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:29
Il vaccino Johnson&Johnson

I casi di contagio nelle ultime 24 ore sono 17.567, in calo rispetto ai 18.938 di venerdì (QUI il bollettino completo del 9 aprile). Diminuiti anche i decessi, 344 contro 460 delle precedenti 24 ore. Sono i dati del bollettino del 10 aprile diramati dal Ministero della Salute.

Sale il tasso di positività, calano i morti

I tamponi sono stati 320.892, 42mila in meno del giorno prima, e il tasso di positività è salito da 5,2% a 5,4%. Sono 3.558 i ricoverati in terapia intensiva, -45 rispetto a venerdì; 186 in rianimazione, -6; 27.567 nei reparti ordinari, -492. Sono quattro le Regioni con più di mille nuovi positivi in un giorno: la Lombardia, con 2.974 nuovi casi; la Campania, con 2.069; la Puglia, con 1804 e l’Emilia Romagna, con 1.525.

Il bollettino del 10 aprile

In settimana arrivano le prime dosi Johnson&Johnson

Il vaccino Johnson&Johnson arriverà in Italia la prossima settimana, con le prime 184mila dosi circa delle 400-500mila attese entro fine aprile. Le fiale dell’unico siero monodose dovrebbero arrivare tra martedì e mercoledì all’hub della Difesa all’aeroporto di Pratica di Mare, assieme a 175mila dosi di Astrazeneca. Entro mercoledì, inoltre, Pfizer dovrebbe consegnare in tutta Italia oltre un milione di dosi.

I nuovi colori da lunedì 12 aprile

Da lunedì 12 aprile l’Italia sarà tutta in zona arancione con l’eccezione di Campania, Valle D’Aosta, Puglia (che restano rosse) e Sardegna (che era arancione). Le regioni che lasciano la zona rossa e tornano arancioni sono Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Toscana e Calabria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.