Emilio Fede ricoverato al San Raffaele di Milano: “Vivo per miracolo”

Emilio Fede, ex direttore del Tg4 - 90 anni a giugno - è stato ricoverato questo pomeriggio e sembra versi in condizioni molto gravi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:12
fede
Emilio Fede

Il giornalista Emilio Fede è stato ricoverato questo pomeriggio, 10 aprile, all’ospedale San Raffaele di Milano. L’ex direttore del Tg4, il quale compirà 90 anni a giugno. Inizialmente, sembrava versasse in condizioni molto gravi. Invece, sembra si sia trattato di una caduta.

Fede: “Salvo per miracolo”

“Il Covid non c’entra niente, sono in un letto al San Raffaele di Milano per una caduta, una rovinosa scivolata, e sono curato dagli amici. L’ho vista brutta, sono in piedi per miracolo”, avrebbe detto Fede all’Adn Kronos.

“Non sono in gravi condizioni, è stata però un’esperienza drammatica – ha aggiunto –. Considerando che sono tutto piegato, la testa, le braccia, tutto sommato sto bene”.

Il Covid a novembre

Era già stato ricoverato lo scorso novembre. Risultato positivo, era stato seguito dal Covid Residence di Ponticelli, una struttura dell’Asd di Napoli per le persone contagiate dal nuovo virus, ma con sintomi non gravi.

Dal San Raffaele, al momento, non trapelano aggiornamenti sulle condizioni di salute, né sembra siano in programma bollettini.

Anche Berlusconi al San Raffaele lo scorso 6 aprile

La stessa struttura ospedaliera aveva ospitato anche Silvio Berlusconi: il Cavaliere era stato ricoverato lo scorso 3 settembre per una polmonite bilaterale. Positivo al Covid-19, era poi stato dimesso 11 gironi dopo. Pochi giorni fa è ritornato al San Raffaele: dopo una visita di controllo si era deciso di sottoporlo ad alcuni accertamenti e per un adeguamento della terapia post Covid.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.