Ue, intesa per sanzioni alla Birmania: “Colpire responsabili colpo di stato”

Il consiglio Esteri della Ue ha raggiunto l'intesa sulle sanzioni alla Birmania per il colpo di stato e le dure repressioni popolari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:39

Il consiglio Esteri della Ue – oggi a Bruxelles – ha raggiunto l’intesa sulle sanzioni alla Birmania, dopo il colpo di stato e le dure repressioni di questi giorni. “In risposta al colpo di stato militare” in Birmania, “l’Unione Europea è pronta ad adottare misure restrittive nei confronti dei diretti responsabili”, si legge nelle conclusioni adottate dal consiglio Esteri Ue.

“L’Unione europea cercherà di evitare misure che potrebbero avere ripercussioni negative sulla popolazione della Birmania, soprattutto sui più vulnerabili. Il Consiglio invita l’Alto rappresentante e la Commissione europea a sviluppare proposte adeguate al riguardo”, si spiega nel documento.

Di Maio a Bruxelles

Anche il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio è oggi a Bruxelles per il Consiglio Affari Esteri CAE, come specifica in un tweet la Farnesina.

Di Maio vede Le Drian

Di Maio, prima della riunione, ha incontrato il collega francese Jean-Yves Le Drian scambiandoci qualche battuta. “Prima dell’inizio del Consiglio Affari Esteri a Bruxelles, incontro con l’amico e collega francese Jean-Yves Le Drian per ribadire il comune impegno di Italia e Francia a rafforzare il coordinamento su Libia, Mediterraneo e lotta al COVID-19″, ha scritto il ministro degli Esteri stamane su Twitter.

 

Le Drian: “Con Di Maio scambio fruttuoso”

Immediata la risposta sempre tramite Twitter del ministro degli Esteri francese. “Scambio fruttuoso con il mio omologo italiano che ha consentito di confermare il nostro auspicio di rafforzare il coordinamento sulla Libia, l’Iran, il Mediterraneo e il coordinamento europeo contro il Covid-19″, ha twittato Jean-Yves Le Drian, dopo l’incontro a Bruxelles con Di Maio, sul profilo Twitter della Rappresentanza Permanente di Francia presso l’Unione europea.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.