THINK EAT SAVE: UNA FOTO PER DIRE STOP ALLO SPRECO ALIMENTARE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:30

Equoevento Onlus si unisce alla campagna di sensibilizzazione Think Eat Save promossa da United Nation Enviroment Program (UNEP) e United Nation Agricolture Organization (FAO) per indirizzare l’attenzione dell’occidente sul problema dello spreco alimentare. Il prossimo 26 giugno Equevento Onlus promuoverà un contest fotografico – in collaborazione con gli australiani di OzHarvest – in cui a fare da protagonista saranno gli scatti e i selfie degli utenti relativi al cibo. Condividendo poi la propria fotografia attraverso l’hashtag #thinkeatsave, si farà parte della collettiva che verrà presentata da OzHarvest, a Parigi, il prossimo 26 luglio.

“Un’iniziativa che ci permette ancora una volta di accendere i riflettori su un argomento così importante e attuale come quello della lotta allo spreco alimentare.” Ha commentato la Presidente di Equoevento, Giulia Proietti, continuando: “Sarà un momento di informazione e di sensibilizzazione ma, al tempo stesso, un momento di condivisione e di coinvolgimento grazie alla partecipazione attiva delle persone.”

Equoevento sceglie La Festa della Solidarietà – che si svolge a Roma fino a venerdì prossimo – come momento di lancio di questa campagna virale: il 26 giugno, presso lo stand Equoevento in Piazza San Giovanni, sarà possibile scattare e condividere foto e messaggi a sostegno della lotta allo spreco alimentare. OzHarvest, fondata nel 2004 da Ronni Kahn, è un’associazione impegnata in Australia nella lotta agli sprechi alimentari e contribuisce ad aiutare circa 600 enti caritatevoli tra Sydney, Adelaide, Brisbane, Canberra, Gold Coast, Melbourne, Newcastle e Perth.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.