LA CARITAS PROMUOVE LA RACCOLTA FONDI PER L’AFRICA “LA FAME NON FA FERIE”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Verrà presentata giovedì 20 agosto a Bolzano “La fame non fa ferie”, campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi della Caritas contro la fame in Africa. “La fame è una tragedia mondiale – ricordano dalla Caritas – una catastrofe quotidiana, uno scandalo dimenticato. Quasi 900 milioni di persone sul nostro pianeta patiscono la fame. Particolarmente drammatica è la situazione in Africa, dove una persona su quattro non ha abbastanza da mangiare”. La campagna di sensibilizzazione viene proposta quest’anno per l’ottava volta e avrà luogo dal 20 agosto al 6 settembre. La conferenza stampa di presentazione, che sarà introdotta da uno “smartmob” per coinvolgere sia i passanti sia i rappresentanti dei media, vedrà la partecipazione di Paolo Valente e Franz Kripp (direttori Caritas Bolzano), Fabio Molon e Judith Hafner (collaboratori Ufficio esteri Caritas), Christa Pardeller (missionaria altoatesina e partner nei progetti Caritas in Africa).

La Caritas diocesana di Bolzano-Bressanone è attiva da decenni in Africa. Grazie alla generosità dei donatori dell’Alto Adige, vi ha potuto avviare e portare avanti numerosi progetti di cooperazione contro la fame. Per farlo, collabora con partner locali competenti, radicati sul territorio e affidabili che fanno parte della rete globale di Caritas. La Caritas offre aiuto e stimola l’iniziativa personale di migliaia di africani grazie a 24 progetti presenti in ben 11 Stati. Più di 5.000 altoatesini hanno sostenuto i suoi progetti negli ultimi dodici mesi donando complessivamente oltre 560 mila euro; 1.300 altoatesini l’hanno fatto tramite una “adozione” a distanza di persone o famiglie a “rischio-fame” donando mensilmente 7 euro; molti altri, con una offerta una tantum.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.