LA PELLEGRINI SI TOGLIE IL COSTUME, A RIO 2016 L’ULTIMA GARA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04

Federica Pellegrini è pronta ad appendere il costume al chiodo, dopo le prossime olimpiadi che si svolgeranno a Rio di Janeiro nel 2016. In una lunga intervista rilasciata a “Chi”, dalle spiagge della Sardegna dove si trova in vacanza con il fidanzato Filippo Magnini, l’azzurra parla dei futuri impegni sportivi, come l’olimpiade del prossimo anno in Brasile.

“Alle Olimpiadi di Rio spero proprio di poter essere la portabandiera azzurra. Sarà la prima volta che potrò godermi la cerimonia di apertura, le altre volte avevo sempre le gare il giorno seguente – ha dichiarato la Pellegrini a Chi -. Se mi sceglieranno sarà la sfilata più emozionante della mia vita anche perché Rio sarà la mia ultima Olimpiade. O, almeno ufficiosamente”. Di uguale opinione anche Filippo Magnini, l’altra metà della coppia d’oro del nuoto italiano, che ha sottolineando che per lui “sicuramente sarà l’ultima Olimpiade, vista l’età. Inizieremo a vivere dopo 20 anni di nuoto. Prima non potevamo neppure andare a sciare per non farci male”.

Viaggiare molto, non guardare l’orologio e comperare un Boston Terrier: sono i piani per il futuro di Federica, che spiega come per molti anni la loro vita è stata scandita dai ritmi della loro passione per il nuoto, ma come ora senta il bisogno di fare altro.

Inoltre nell’intervista sia Federica che Filippo hanno parlato di come la loro storia d’amore abbia attraversato dei periodi turbolenti, fatti di litigi e di allontanamenti, ma fortunatamente ora i due hanno “un bel equilibrio”. Alla domanda se dopo Rio pensano di sposarsi è Filippo che risponde. “Per il futuro credo che sia la normalità della vita fare determinati passi. Prima o poi ci saranno”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.