“Big snow”: treni a singhiozzo, Tir fermi. Nord Italia in ginocchio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:15

Il “Big Snow”, la grande nevicata, è arrivata e sta provocando numerosi problemi soprattutto nelle regioni del centro-nord. Forti ritardi e cancellazioni stanno subendo molti treni per il maltempo, soprattutto quelli in transito per il nodo di Bologna, in tilt per le copiose nevicate. Trenitalia e Rfi hanno comunque attivato il “piano neve” per garantire il maggior numero di collegamenti. La nevicata è iniziata nella serata di giovedì ed è proseguita tutta la notte fino al mattino, creando gravi disagi alla popolazione. Chiuso anche l’aeroporto bolognese Marconi. Lo stato di allerta della Protezione civile è previsto fino a mezzogiorno, anche se la neve potrebbe continuare a cadere fino al pomeriggio. E’ già prevista una nuova fase di preallarme anche per il fine settimana ed è stata diramata anche un’allerta valanghe e slavine per il territorio dell’Appennino.

Continua a nevicare senza sosta sulla A1, dove però la coda dei Tir, per i quali è in atto un divieto di transito temporaneo sul tratto appenninico, è notevolmente diminuita. Questa notte, spiega Anas in una nota, “a seguito della chiusura della A1 nel tratto appenninico Firenze-Bologna, a causa delle forti nevicate, un elevato numero di veicoli pesanti si è riversato sulla E45”. Alle 3, a seguito di una intensa nevicata che ha interessato la zona del valico del Verghereto, al confine tra la Toscana e l’Emilia-Romagna, l’Anas è stata costretta “a interdire la circolazione ai mezzi pesanti allo svincolo di Cesena, in direzione Orte”. La nevicata, dice ancora Anas, “ha determinato forti rallentamenti alla circolazione dei mezzi e blocchi localizzati, anche per la mancanza di catene da parte della maggior parte dei mezzi in transito”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.