Nuovo allarme nei Caraibi, dopo l’uragano Irma si teme per il passaggio di Jose

339
  • English
uragani

Nuovo allarme nei Caraibi dove, dopo le devastazioni di Irma si teme per il passaggio dell’uragano Jose che, secondo le ultime comunicazioni degli esperti, si è rafforzato a categoria 4 con venti fino a 240 chilometri orari. L’allarme è scattato sulle isole Saint Barthelemy e Saint Martin dove saranno allestiti nove rifugi in grado di ospitare fino a 1.600 persone. L’uragano Jose dovrebbe fare landfall sulle isole sabato a mezzogiorno, quando in Italia saranno le 18.00.

Irma torna di categoria 5

Dopo un iniziale declassamento, l’uragano Irma – diretto verso la Florida, ha riacquistato potenza tornando alla categoria 5 della scala Saffir-Simpson, come reso noto dal National hurricane center.La perturbazione di trova a 485 chilometri da Miami e viaggia a circa 20 chilometri orari in direzione ovest.

Stato di emergenza in Alabama

Nel frattempo il governatore dell’Alabama, Kay Ivey, ha emesso lo stato di emergenza in vista dell’arrivo dell’uragano Irma, previsto in Alabama e in Georgia per lunedì mattina. Anche se sullo Stato dovrebbe abbattersi solo la coda dell’uragano, sono attese abbondanti piogge e forti raffiche di vento e il governatore Ivey prevede che alcune conseguenze saranno inevitabili.

Trump: “Usa preparati al più alto livello”

Gli Stati Uniti sono “preparati al più alto livello” per l’arrivo del mega uragano Irma. E’ quanto assicurato dal presidente Donald Trump, rispondendo alle domande di alcuni giornalisti mentre si stava dirigendo verso Camp David. Il presidente si è detto quindi fiducioso che “tutto andrà bene”.

La situazione a Cuba

Nel frattempo, Irma è arrivato nell’arcipelago di Camaguey, nel centro nord di Cuba, con venti di 260 chilometri all’ora. Le autorità cubane hanno evacuato migliaia di persone dalle loro case per metterle al riparo nei rifugi allestiti nelle scuole chiuse. A Baracao, la città più antica dell’isola, il mare è arrivato all’interno grazie alle onde anomale che si sono generate in diversi punti del lungomare. Le forti precipitazioni però, non hanno solo colpito Baracao – già devastata un anno fa dall’uragano Matthew, ma anche Guantanamo e Holguin.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS