BANKITALIA: TORNANO A CRESCERE I PRESTITI A FAMIGLIE E IMPRESE Dopo il calo di dicembre e gennaio a febbraio il dato ha registrato un incremento dello 0,6% su base annua

543
prestiti bancari

Tornano a crescere i prestiti delle banche dopo il calo accusato a dicembre e a gennaio. Secondo quanto riporta il Supplemento al Bollettino statistico “Moneta e banche” di Bankitalia, a febbraio i prestiti al settore privato hanno registrato una crescita su base annua dello 0,6% (a fronte di una contrazione a gennaio dello 0,2% e a dicembre dello 0,4%). Quelli alle famiglie sono saliti dell’1% sui dodici mesi (0,8% a gennaio); quelli alle società non finanziarie sono aumentati dello 0,3% (-0,9% a gennaio).

Quanto ai tassi, a febbraio quelli sui finanziamenti alle famiglie per l’acquisto di case sono scesi al 2,76% dal 2,85% di gennaio. I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle imprese di importo fino a 1 milione di euro sono calati al 2,73% (2,78% a gennaio) e quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,10% dall’1,55% di gennaio. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,49 per cento.

Le sofferenze bancarie a febbraio sono scese a 196 miliardi di euro rispetto ai 202 miliardi di gennaio ma sono cresciute del 4,7% su base annua (senza correzione per le cartolarizzazioni, ma tenendo conto delle discontinuità statistiche).
Tale diminuzione, precisa la Banca d’Italia, dipende da operazioni di cessione di crediti in sofferenza realizzate nel mese di febbraio. Se si corregge il tasso di crescita per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, analogamente a quanto si fa per il totale dei prestiti, il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze risulta pari al 13,4%, come in gennaio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS