LA SIRIA RESTA AL BUIO: BLACKOUT IN TUTTO IL PAESE Sconosciute le cause dell'interruzione di elettricità. Francia e Regno Unito in coro: "Stop agli attacchi contro le forze di opposizione moderate"

503
blackout siria

Un blackout ha lasciato tutta la Siria al buio. Lo riferisce l’agenzia di stampa statale Sana, spiegando che le ragioni dell’interruzione dell’energia sono ignote. ”La rete elettrica non funziona in tutti i governatorati”, ha aggiunto la Sana citando una fonte del ministero dell’Energia. ”Sono in corso tentativi per comprendere la causa del blackout”, ha aggiunto la fonte, mentre la televisione di Stato spiega che squadre di tecnici sono al lavoro per risolvere il problema nelle prossime ore. Nei cinque anni di guerra in corso in Siria dal marzo del 2011 sono stati frequenti i blackout, ma rari quelli che hanno riguardato l’intero Paese.

Nel Paese da poco meno di una settimana vige il cessate il fuoco frutto dell’intesa tra Russia e Stati Uniti. Un tregua fragile che non ha fermato gli attacchi contro le forze dell’opposizione moderata. Il presidente francese Francois Hollande e il premier britannico David Cameron, nel corso del vertice bilaterale Francia-Gran Bretagna attualmente in corso ad Amiens, si sono rivolti a Russia e al regime siriano affinché fermino gli attacchi.

Per i leader di Gran Bretagna e Francia i raid “compromettono le prospettive di pace” e “rischiano di aggravare in modo drammatico la crisi dei rifugiati”. L’appello è contenuto nel testo di conclusioni del vertice bilaterale Gran-Bretagna-Francia. Dopo l’incontro con Cameron, Hollande riceverà domani a Parigi la cancelliera tedesca Angela Merkel per fare il punto della situazione prima del summit Ue-Turchia del 7 marzo a Bruxelles. (A

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS