XFACTOR 9: GIOSADA VINCE A SOPRESA. BATTUTI GLI URBAN STRANGERS Il cantante di Elio trionfa al Mediolanum Forum. Medaglia d'argento per la band campana, strafavorita

447
giosada

La maledizione dei gruppi si abbatte anche sugli Urban Strangers. Che siano una band o meno poco importa: XFactor è sempre più una competizione per lupi solitari. E pensare che il duo campano, guidato da Fedez, era andato vicinissimo al trionfo. Il loro inedito “Runaway” ha fatto il pieno di visualizzazioni su Youtube e i produttori discografici, dopo il “no grazie” di Alessio e Gennaro a una possibile collaborazione artistica con l’etichetta del rapper milanese, sono pronti a contenderseli. Ma sul palco del Mediolanum Forum di Assago a trionfare è stato Giosada, cantante barese che ha saputo alternare, nel corso della competizione, rock e soft con la maestria del cantante già fatto.

Un artista completo, persino più di Davide Sciortino (in arte Shorty), l’altro finalista di Elio, arrivato solo terzo. Così XF9 si trasforma nel trionfo della musica italiana, visto che Giosada è stato l’unico a portare un brano nella nostra lingua, “Il rimpianto di te”, dedicato alla sua terra di origine. Una scelta coraggiosa quella di Elio, che, nel corso delle puntate, si è mostrato più volte allergico all’internazionalizzazione del talent, quest’anno diretto da una giuria divisa a metà tra italiani (Fedez e lo stesso Elio) e anglofoni (Skin e Mika).

La prima manche ha visto i concorrenti duettare con Cesare Cremonini, uno degli ospiti dell’ultima puntata.l primo concorrente ad esibirsi e’ stato Giosada che se l’è vista con le note di “Logico”. A seguire, in rapida successione, Davide si è confrontato con “Mondo”, Enrica con “La nuova stella di Broadway” e gli Urban Strangers con “Buon viaggio”. Come spartiacque tra la prima e la seconda parte della finalissima, sotto i riflettori del Forum milanese sono arrivati i Coldplay. La band, dopo tre anni di assenza dall’Italia, ha scelto il palco del talent di Sky per presentare al pubblico italiano il singolo “Adventure in a lifetime”, ai vertici della classifiche radiofoniche, oltre ad “A head full of dreams”, brano che ha dato il titolo al loro ultimo album pubblicato in ordine di tempo e che ha visto la luce all’inizio di dicembre.

Congedata la band di Chris Martin e soci, Cattelan ha annunciato il primo eliminato della serata: Enrica. Per la seconda manche, la gara è tornata nel vivo questa volta con protagoniste le note degli inediti presentati in gara dai quattro finalisti. Se Shorty e volto soul della finale, è salito sul palco con la sua “My soul trigger”, gli Urban Strangers hanno cantato la loro “Runaway'” e Giosada “Il rimpianto di te”, scritta insieme a Pacifico e Alberto Tafuri. Prima del verdetto del televoto che ha decretato l’eliminazione di Davide, sul mastodontico palco ad x del Mediolanum Forum sono saliti anche gli Elio e Le Storie Tese al gran completo per cantare “Servi della gleba”, assieme alla vocal coach Paola Folli che della band milanese è stata anche corista.

Per la terza e conclusiva manche i ragazzi che sono passati indenni dalle eliminazioni, Giosada e gli Urban Strangers hanno cantato rispettivamente “The Best Of You'” (Foo Fighters) e “Oceans” (Jay Z). Se Mika e Fedez questa sera hanno ufficializzato la loro collaborazione anche dal vivo esibendosi con il singolo “Beautiful disaster” (con spogliarello appena accennato, diversamente da quanto avevano promesso per il milione di visualizzazioni su Youtube, e pantaloni calati invece per Elio), gli Skunk Anansie, altri ospiti attesi della serata, hanno invece presentato dal vivo il singolo “Love someone else”, poco prima del ritorno in scena di Cremonini con il brano “Lost in the weekend”. “E’ stato bellissimo – ha commentato un emozionato Giosada dopo essere stato proclamato vincitore- ed è tutto molto strano”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS