GIORDANIA, UN CANALE TRA MAR MORTO E MAR ROSSO Il collegamento tra i due bacini idrici fornirà acqua potabile a diverse parti del regno

802

Il regno di Giordania ha pubblicato un bando per la realizzazione di un canale che servirebbe a pompare oltre 300 milioni di metri cubi di acqua all’anno dal Mar Rosso al bacino idrico del Mar Morto. Si prospetta che dovrebbero essere trasferiti circa due miliardi di metri cubi di liquido per innalzare il livello del Mar Morto e fornire, in tal modo, acqua potabile a diverse parti del Paese; un investimento di diversi miliardi di dollari.

Il canale di collegamento attraverserà il deserto che si trova alla frontiera tra la Giordania e Israele, creando così un confine naturale tra i due Paesi, uniti da un trattato di pace stipulato nel 1994. Il progetto sarà usato anche per generare elettricità. Infatti, l’acqua estratta dal Mar Rosso sarà portata ad un’altezza di 170 metri, per essere poi lasciata cadere nel Mar Morto, situato in una depressione di 400 metri sotto il livello del mare.

Il clima del regno è di tipo mediterraneo nelle regioni ad a nord ed ovest della Valle del Giordano, con inverni miti e umidi ed estati calde e asciutte, con temperature che superano i 35 °C. Le piogge non superano i 600 mm annui. Nelle regioni desertiche del sud e del sud-est invece vi è un clima prevalentemente arido. Le precipitazioni sono scarse, le estati roventi con temperature che superano i 40 °C. L’unico fiume di rilievo è il Giordano. Con questo canale si risolverebbe il problema dell’acqua, non sempre potabile nelle regioni desertiche.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS