NAUFRAGIO AL LARGO DELL’ISOLA DI KOS: MUOIONO DUE BAMBINI Il barcone sul quele viaggiavano era partito dalle coste della Turchia e trasportava 14 migranti

353
naufragio

Ancora una volta le acque del mar egeo hanno inghiottito le vite di coloro che cercavano di arrivare sulle coste europee, dopo essere scappati agli orrori delle loro terre natali. Una barca con 14 migranti a bordo è affondata al alrgo dell’isola greca di Kos provocando la morte di due bambini. A comunicarlo è la guardia costiera del Paese ellenico.

Il padre di uno dei bimbi morti, è stato costretto a gettare in mare il corpo del figlio di sei anni – che ora risulta disperso – per salvare gli altri membri della sua famiglia. Una decina di migranti sono stati salvati dalla marina greca, mentre gli altri hanno raggiunto a nuoto le rive della Grecia. Il barcone sul quale viaggiavano era salpato dalle coste della Turchia.

Nel frattempo alcuni disordini si sono verificati sull’isola di Lesbo, dove uno sciopero dei lavoratori del trasporto marittimo ha impedito a migliaia di persone di imbarcarsi sui traghetti – con a bordo i migranti – diretti al porto del Pireo, bloccandole così a terra. Mentre la situazione continua a rimanere tesa nell’isola, il primo ministro Alexis Tsipras ha annunciato che, accompagnato dal presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, visiterà oggi i centri di accoglienza e registrazione dell’isola.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS