Test stagionali di Formula 1: Alonso si schianta contro un muro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:15

Paura per lo spagnolo Fernando Alonso, team della McLaren,  a Barcellona sul circuito di Montmelò, dove era in corso l’ultima giornata di test stagionali di F1: sceso in pista dopo 2 ore dall’ inizio della sessione di test, è andato a sbattere alla curva 4, dopo circa  20 giri. Soccorso con fretta  e portato in ospedale in elicottero, appare  confuso ma cosciente.  L’ ex ferrarista sembra abbia avuto un malore mentre affrontava la curva,  finendo in testacoda e andando a sbattere sul muretto che delimita il circuito. “L’incidente mi è sembrato strano, era davanti a me e andava relativamente piano, credo andasse a circa 150 km orari – dichiara il ferrarista Vettel che correva proprio alle spalle dello spagnolo – Poi, è andato a destra verso il muro e lo ha urtato un paio di volte. A quel punto l’ho perso di vista” .

Dopo i primi test medici effettuati nel centro medico di Montmelò, Alonso, che era rimasto nell’auto per circa 10 minuti, è stato trasferito in un ospedale della città, e per ora le notizie sono buone: è cosciente e parla normalmente.  Luis Garcia Abad, rappresentante di Fernando Alonso nega la teoria che il pilota abbia subito un incidente a causa di un problema di vertigini e nega anche guasti della McLaren: “È andato in ospedale per precauzione, hanno fatto tutti gli esami del caso, e sono andati bene. Lo scontro con la recinzione ha causato tutto il resto. Tutto è accaduto in situazioni normali e smentisco anche qualsiasi colpa della macchina: ha perso grip ed è uscito di pista” . Lo spagnolo resterà in osservazione per le prossime 24 ore secondo il protocollo medico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.