FORMULA UNO: ALLARME FOSCHIA PER IL GP DI SINGAPORE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:30

È allerta a Singapore per la foschia causata dai grandi incendi di questi giorni in Indonesia. Gli organizzatori del Gran Premio di Formula Uno hanno fatto sapere, in un comunicato stampa, che non ci saranno variazioni per le gare di domenica ma rimane alta la preoccupazione dei team per quanto riguarda la visibilità in gara e il benessere degli spettatori.

“Al momento non è possibile prevedere, in modo affidabile, quale potrebbe essere la situazione nel fine settimana di gara – si legge nel comunicato – il livello della foschia è altamente variabile e può cambiare non solo di giorno in giorno, ma di ora in ora.” Durante questo fine settimana il governo di Singapore ha dovuto cancellare diversi eventi a causa della qualità dell’aria classificata dalle autorità come “malsana” o addirittura “molto malsana”.

Il livello di pericolosità del fenomeno, hanno spiegato gli esperti, dipende fortemente dalle condizioni preesistenti dei pazienti – il rischio più elevato è per i bambini, gli anziani e le donne in stato di gravidanza – ma è comunque sconsigliato praticare attività fisica all’aria aperta ed esporsi per lunghi periodi alle nubi senza protezioni.

I responsabili dell’evento hanno fatto sapere che, come misura preventiva, agli ingressi della pista verranno distribuite mascherine con filtri anti-particolato e per tutto il weekend saranno pubblicate in tempo reale le informazioni sugli eventuali cambiamenti meteorologici attraverso il sito web, i maxischermi e la radio del circuito. In oltre sono state potenziate tutte le postazioni mediche per affrontare eventuali malesseri legati alla foschia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.