DOMENICA 03 MARZO 2019, 17:42, IN TERRIS


COPPA DEL MONDO

Capolavoro Paris: suo il Super G a Kvitfjell

Discesa perfetta dell'altoatesino che stacca tutti: per il mondiale, decisiva l'ultima prova in Andorra

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Dominik Paris
Dominik Paris
S

abato da incorniciare per Dominik Paris che, a Kvitfjell, conquista un Super G da manuale, chiudendo con un -43 sul padrone di casa Jansrud e addirittura - 60 dallo svizzero Feuz. Una vittoria da campione quale è l'altoatesino, iridato in carica nella specialità che, nella giornata di ieri, aveva già messo in bacheca la discesa libera. Assieme alla vittoria, Paris indossa il pettorale rosso del leader di specialità in questa Coppa del mondo, quanto alla conclusione manca solo una gara. Seconda doppietta nell'arco di qualche settimana, dopo la doppietta medesima centrata a Bormio che, senza timore di esagerare, consacrano Paris perlomeno il miglior discesista del Nuovo millennio, forse il migliore in assoluto per i colori azzurri. Quarto, a +82 Kriechmayer.


Paris perfetto

Ora a Dominik manca solo il Super G di Andorra che potrebbe consacrarlo campione del mondo per la prima volta (ora è primo a 330 punti). Sulle piste di Norvegia, l'azzurro è semplicemente il più forte di tutti. Ma anche più forte di tutto, visto che riesce non solo a riprendersi da qualche sbavatura iniziale ma anche a recuperare settore per settore, accumulando centesimi su centesimi. Di margine, ovviamente. Nulla che né Jansrud (ottimo fino all'ultimo settore, dove sbaglia e finisce in planata lenta al traguardo) né Feuz potessero nemmeno avvicinare. Oggi non ce n'è stato semplicemente per nessuno, Paris era in giornata e, quand'è così, in discesa è davvero il migliore.


Gli altri azzurri

Prestazione sufficiente per Christof Innerhofer, con pettorale numero tre: nona posizione per lui, a pari merito con Clarey. Una discesa senza infamia e senza lode per il brunicense, vittima di un errore nel passaggio centrale ma comunque in grado di perdere solo 1.13, facendo meglio di quanto potesse. Solo sedicesimo Mattia Casse, finito a +1.78 dal compagno di squadra.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
PARIGI

Ricostruire Notre-Dame per far rinascere la fede

Messaggio di papa Francesco alla diocesi di Parigi impegnata a riportare al suo antico splendore la cattedrale gravemente...
Felice Gimondi
CICLISMO

Addio a Felice Gimondi, il campione che battè il Cannibale

L'ex ciclista colto da un infarto in Sicilia. Con l'amico-rivale Eddy Merckx segnò un'epopea di duelli...
ROMA

Un secolo e mezzo al servizio dell’infanzia

Il 20 novembre a Roma la serata per i 150 anni del Bambino Gesù. L’evento di solidarietà condotto da Amadeus...
La Luna
SPAZIO

La sonda indiana Chandrayaan 2 si avvicina all’orbita lunare

L’allunaggio è previsto per il 7 settembre. L’India sarà il primo paese sul Polo Sud della Luna
Groenlandia
GEOPOLITICA

Trump punta a nord: vuole la Groenlandia

Secondo il Wall Street Journal, il presidente vorrebbe acquistare l'immensa isola. Ma i groenlandesi frenano: "Non siamo...

La presidente del Senato, Casellati apre domenica il 40° Meeting di Rimini

Tra i temi dell’edizione 2019 le prospettive dell’Europa, il dialogo tra fede e scienza, le persecuzione dei...
Jesolo
VENEZIA

Jesolo, trovato il corpo del giovane scomparso in mare

I soccorritori lo hanno ritrovato vicino al luogo del tuffo dal pedalò. Il Comune di Jesolo ha rimandato a oggi i fuochi...