DOMENICA 03 MARZO 2019, 17:42, IN TERRIS


COPPA DEL MONDO

Capolavoro Paris: suo il Super G a Kvitfjell

Discesa perfetta dell'altoatesino che stacca tutti: per il mondiale, decisiva l'ultima prova in Andorra

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Dominik Paris
Dominik Paris
S

abato da incorniciare per Dominik Paris che, a Kvitfjell, conquista un Super G da manuale, chiudendo con un -43 sul padrone di casa Jansrud e addirittura - 60 dallo svizzero Feuz. Una vittoria da campione quale è l'altoatesino, iridato in carica nella specialità che, nella giornata di ieri, aveva già messo in bacheca la discesa libera. Assieme alla vittoria, Paris indossa il pettorale rosso del leader di specialità in questa Coppa del mondo, quanto alla conclusione manca solo una gara. Seconda doppietta nell'arco di qualche settimana, dopo la doppietta medesima centrata a Bormio che, senza timore di esagerare, consacrano Paris perlomeno il miglior discesista del Nuovo millennio, forse il migliore in assoluto per i colori azzurri. Quarto, a +82 Kriechmayer.


Paris perfetto

Ora a Dominik manca solo il Super G di Andorra che potrebbe consacrarlo campione del mondo per la prima volta (ora è primo a 330 punti). Sulle piste di Norvegia, l'azzurro è semplicemente il più forte di tutti. Ma anche più forte di tutto, visto che riesce non solo a riprendersi da qualche sbavatura iniziale ma anche a recuperare settore per settore, accumulando centesimi su centesimi. Di margine, ovviamente. Nulla che né Jansrud (ottimo fino all'ultimo settore, dove sbaglia e finisce in planata lenta al traguardo) né Feuz potessero nemmeno avvicinare. Oggi non ce n'è stato semplicemente per nessuno, Paris era in giornata e, quand'è così, in discesa è davvero il migliore.


Gli altri azzurri

Prestazione sufficiente per Christof Innerhofer, con pettorale numero tre: nona posizione per lui, a pari merito con Clarey. Una discesa senza infamia e senza lode per il brunicense, vittima di un errore nel passaggio centrale ma comunque in grado di perdere solo 1.13, facendo meglio di quanto potesse. Solo sedicesimo Mattia Casse, finito a +1.78 dal compagno di squadra.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una veduta di Mirabilandia
RAVENNA

Tragedia a Mirabilandia: muore un bimbo di 4 anni

Il piccolo è probabilmente annegato in una piscina, inutili i soccorsi. Indagano i Carabinieri
Italia-Polonia 0-1. Pellegrini tenta la conclusione verso la porta polacca - Foto © Twitter
EUROPE U-21

Italia, k.o. amaro con la Polonia: ora si fa dura

Azzurrini imprecisi e sfortunati: decide un gol di Bielik. Per le semifinali, una vittoria col Belgio potrebbe non bastare
CARO SANTO

I single italiani arruolano Sant'Antonio

A Padova i Frati Minori s'improvvisano cupido
La Sea Watch 3
FLUSSI MIGRATORI

Lampedusa: sbarcano in 45, ancora ferma la Sea Watch

Permane la situazione di stallo per l'imbarcazione della ONG tedesca
FAR WEST

Caserta: militare minaccia strage, ferito nella sparatoria

Indagini in corso, ancora nessuna motivazione alla base del folle gesto
Morsi ed Erdogan
TURCHIA

La denuncia di Erdogan: "Morsi è stato assassinato"

Il presidente turco: "Non è morto per cause naturali". Sotto accusa il ritardo nei soccorsi