La vita e la spiritualità di San Albertino da Montone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

San Albertino da Montone (di Fonte Avellana), monaco camaldolese Montone (Perugia), 1216 ca. – Fonte Avellana (Pesaro e Urbino), 13/04/1294. Probabilmente proviene da un’umile famiglia contadina.

Avvenimenti

  • Diventa monaco nell’eremo di Fonte Avellana. Viene eletto priore e in seguito priore generale della Congregazione Avellanita.
  • Per umiltà e amore della solitudine rinuncia a diventare vescovo di Osimo.

Spiritualità

Serve la sua Congregazione con l’esempio di una vita santa, con la prudenza e la saggezza. Svolge mirabilmente il suo compito di priore in un periodo difficile per la Congregazione e riesce a ripristinare la disciplina monastica. E’ un grande pacificatore: a lui si rivolgono anche i comuni in discordia per ritrovare l’antica fratellanza.

Morte

Muore a Fonte Avellana, dove il suo sepolcro è ancora molto venerato.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.