Alla scoperta della spiritualità di San Paolo di Verdun

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

San Paolo di Verdun, vescovo, nasce ad Autun (Francia), muore a Verdun (Francia) l’8 febbraio 648. Vive per qualche tempo alla corte del re Clotario II.

Avvenimenti

  • Dopo un periodo trascorso come eremita sul monte Voge (Vicino a Treviri), entra nel monastero di Tholey, dove svolge prima l’incarico di fornaio e poi di direttore della scuola.
  • Nel 626 sia il clero sia il popolo lo eleggono vescovo di Verdun. Il re Dragoberto gli dona delle terre, le cui rendite Paolo utilizza per la sua attività pastorale.

Spiritualità

Zelante e grande pastore, ottimo organizzatore. Costruisce la chiesa di San Saturnino fuori della città. Si dedica con impegno alla riforma del suo clero. Cerca di far rispettare il precetto festivo domenicale.

Morte

Le sue spoglie mortali sono conservate nella cattedrale di Verdun, dove ogni 8 febbraio si radunano panettieri, mugnai e pasticcieri, di cui paolo è il patrono, per assistere alla Messa durante la quale viene benedetto il pane per i poveri.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.