San Tito, discepolo e collaboratore di San Paolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

San Tito, Vescovo, m. Creta (Grecia), 96 ca. E’ un pagano che forse lo stesso Paolo ha convertito e battezzato: è il suo secondo discepolo e collaboratore. Paolo lo definisce: «Mio compagno e collaboratore» (2Cor 8,23). Nel viaggio per il concilio di Gerusalemme, compare per la prima volta vicino a Paolo e a Barnaba. È un ottimo mediatore e risolve una difficile crisi tra Paolo e i Corinzi, ai quali porta la lettera dell’Apostolo; organizza anche una colletta per i poveri di Gerusalemme.

Da una lettera inviatagli da Paolo dopo il 63, si apprende che Tito è a capo della Chiesa di Creta, che evangelizza e di cui è il primo vescovo. In seguito si reca in Epiro, poi a Nicopoli e anche in Dalmazia.

Morte

Raggiunge Paolo a Roma, poi fa ritorno a Creta, dove muore a 94 anni. Il reliquiario del suo cranio, portato a Venezia, viene restituito alla Chiesa ortodossa di Eraclea per favorire l’ecumenismo.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.