San Servolo il paralitico: chi ha raccontato la sua vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

San Servolo il paralitico, mendicante Roma, ?- Roma, 590. La sua vita è narrata da san Gregorio Magno. Fin dall’infanzia è affetto da una grave infermità: non riesce a reggersi in piedi e deve essere aiutato per portare il cibo alla bocca. Per ogni necessità e negli spostamenti deve essere assistito dai familiari. Vive di elemosina, che raccoglie adagiato sotto un porticato della chiesa di San Clemente a Roma.

Spiritualità

Nonostante le ripetute sofferenze, è sempre sereno e lieto e canta continui inni di lode e ringraziamento al Signore, tanto da confondere i sani, che spesso si lamentane per ogni piccola difficoltà. «Servolo, per quanto povero è sofferente, lodava il Signore e lo pregava di farlo soffrire ancora di più» (san Gregorio Magno). Dona con generosità quello che riceve a coloro che reputa più bisognosi di lui. Riesce a procurarsi alcuni volumi della Sacra Scrittura: essendo analfabeta, chiede ad anime generose di leggergli alcune pagine e ascolta la lettura con tale attenzione da riuscire a ricordare a memoria vari brani.

Morte

Sentendo vicina la morte, vuole essere circondato dai poveri, con i quali ha condiviso le elemosine e che invita a cantare Salmi e inni. Pochi istanti prima di morire invita coloro che lo circondano a tacere, in modo da ascoltare le melodie celesti che già comincia a percepire. Viene sepolto nella chiesa di San Clemente.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.