San Giuseppe Oriol, esempio di profonda unione con il Signore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

San Giuseppe Oriol, sacerdote, Barcellona (Spagna), 23/11/1650- Barcellona, 23/03/1702. Proviene da una povera famiglia: il padre è tessitore di seta e muore sei mesi dopo la sua nascita.

Avvenimenti

  • Nel 1674 diviene dottore in teologia presso l’Università di Barcellona; due anni dopo è ordinato sacerdote.
  • Viene assunto come precettore da Tommaso Gasneri e vi rimane a servizio per dieci anni, mentre svolge la sua azione sacerdotale nella Chiesa di San Filippo Neri.
  • Nel 1686 si reca, a piedi, in pellegrinaggio a Roma, dove si trattiene un anno.
  • Svolge il suo ministero sacerdotale nella chiesa di Santa Maria del Pino. Ha molto successo nell’attività apostolica, specialmente con i ragazzi ei soldati.

Spiritualità

Profondamente unito al Signore con una preghiera prolungata davanti a Gesù Eucaristia, eccelle nello spirito di povertà e di umiltà. Trabocca di letizia cristiana. Esercita con impegno il ministero della riconciliazione. Grande spirito di penitenza: dorme tre ore al giorno su di una sedia, usa il cilicio, si racconta che per 26 anni si nutrì solo di pane e acqua.

Morte

Sentendo vicina la morte, si trasferisce in una stanza presso un amico. Riceve gli ultimi sacramenti e negli ultimi tre giorni si ciba solo dell’Eucaristia. Chiede a chi gli è vicino i recitare lo Stabat Mater: durante la preghiera, guardando il crocifisso, entra nella pace del Signore. È canonizzato nel 1909. Le sue spoglie mortali vengono distrutte durante la guerra civile spagnola; per supplire a questo barbaro e assurdo gesto, Pio XII nel 1941 dona alla città di Barcellona una reliquia del Santo (che era stata regalata a san Pio X).

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.