San Giacomo l’interciso: ecco qual è stato il suo martirio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

San Giacomo l’interciso, martire, è vissuto in Persia tra il IV e il V secolo. Ha un incarico importante alla corte del re Yazdegerd.

Avvenimenti

  • Per evitare gravi persecuzioni rinnega la fede cattolica.
  • Quando la madre e la moglie vengono a conoscenza di questo tradimento, con una lettera lo rimproverano aspramente. Per questo Giacomo ritorna alla fede in Cristo.

Morte

Sorpreso a leggere le Sacre Scritture, viene denunciato. Durante il lungo interrogatorio professa con coraggio la fede cattolica. Il nuovo re Varham V, irritato dalla sua ostinazione, lo condanna al martirio, che merita al Santo il titolo di “interciso” (cioè “fatto a pezzi”, secondo la tradizione in ventotto parti).

Molti accorrono per assistere a questa nuova forma di esecuzione. La comunità cristiana prega perché Giacomo, nonostante le terribili sofferenze, rimanga fedele alla vera dottrina. Il Santo subisce in progressione l’amputazione delle dita delle mani e dei piedi, poi dei piedi e delle mani, delle braccia e delle gambe. A ogni nuova amputazione, Giacomo invoca il Signore con un versetto biblico. Il terribile martirio si conclude con la decapitazione.

Avendo il re di Persia scoperto che i cristiani venerano le reliquie dei martiri, decide di far bruciare i resti mortali di Giacomo. Alcuni cristiani riescono a salvarli e li portano a Gerusalemme nel monastero degli Iberi. Il suo teschio è conservato in Vaticano.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci aiutano a vivere e a morire” di Luigi Luizi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.