LUNEDÌ 13 NOVEMBRE 2017, 15:39, IN TERRIS


GENDER

Via la censura ai manifesti del Bus della Libertà

I messaggi contro l'educazione di genere da propinare ai bambini erano stati bloccati dall'entre preposto

REDAZIONE
D

ietrofront dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (Iap) in merito alla campagna pubblicitaria del Bus della Libertà. L'ente, investito della questione dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in un primo momento aveva censurato i manifesti definendoli in violazione dell’articolo 10, giacché offenderebbero “convinzioni morali, civili e religiose”, e l’articolo 11 che invita ad avere cura dei messaggi rivolti ai bambini per non danneggiarli.

Nei giorni scorsi è giunto però il ripensamento. Le “accuse strumentali”, spiega Jacopo Coghe, presidente di Generazione Famiglia a Il Giornale.it, “sono state smontate una dopo l’altra grazie ad una memoria difensiva, molto accurata, presentata al Giurì dai nostri avvocati”. L'assoluzione dimostra - aggiunge Coghe - che "ancora esiste un briciolo di libertà".

Sulla vicenda è intervenuto con un comunicato anche il Centro Studi Rosario Livatino, osservando: "Vale la pena di sottolineare fin d’ora la grande importanza di questa pronuncia. Da oggi, infatti, deve ritenersi accertato che chiamare 'violenza di genere' quella che si compie nelle scuole ai danni dei bambini sottoposti ad iniziative pro-gender, nonché ribadire esplicitamente che 'I bambini sono maschi e le bambine sono femmine', non soltanto è lecito ma è anche corretto dal punto di vista della deontologia pubblicitaria."

I manifesti in questione raffigurano due bambini stilizzati, un maschio e una femmina, sormontati dalla scritta “Basta violenza di genere” sui bambini.

Messaggi sulla stessa lunghezza d'onda sono quelli diffusi dal Bus della Libertà, che ha girato diverse città italiane dal 23 al 30 settembre e il centro di Roma per oltre una settimana ad ottobre: “I bambini sono maschi, le bambine sono femmine” e “#StopGender nelle scuole”. L'automezzo è stato foriero di polemiche. A Napoli, ad esempio, il Comune ha negato l'autorizzazione a sostare in città, dopo però averla rilasciata.

Con buona pace dei suoi detrattori, il Bus della Libertà - promettono gli organizzatori dell'iniziativa - tornerà a solcare le strade d'Italia.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?

#STOPGENDER: IL "BUS DELLA LIBERTA'" SCALDA I MOTORI

manifestazione bus della libertà
“I bambini sono maschi, le bambine sono femmine”. Un concetto che appare ovvio, pleonastico, ma non inutile da ribadire. In un tempo in...

Napoli contro il bus che difende la famiglia?

Il Comune partenopeo revoca l'autorizzazione a sostare in città al "Bus della Libertà". Gandolfini: "Dittatura del pensiero unico". De Magistris: "Campagna transfobica"

NEWS
NOLA

Abusa di una bimba di 3 anni: arrestato 24enne

Le indagini scaturite da una confidenza di un privato cittadino ai cc

Il volto d'Europa

Importante apertura di credito della Merkel nei confronti dell’Italia, sia sugli immigrati che sulle questioni...
Proteste contro la separazione dei bambini migranti dai loro genitori
USA-MIGRANTI

Bimbi separati dai genitori, l'Onu: "Inammissibile"

Insorge Al Hussein. Trump: "Non siamo un campo profughi". Guai con Melania?
I sanitari dello Smom sulla nave Aquarius
AQUARIUS

"Nei loro occhi la scintilla della speranza"

L'esperienza di due volontarie dell'Ordine di Malta che hanno assistito i migranti fino a Valencia
GB | GIALLO IN SUSSEX

Recuperati 5 corpi in poche ore

L'ipotesi è che si tratti di suicidi avvenuti per caso nella stessa zona
Il raid di questa notte
SIRIA

Raid su una base militare: il regime accusa gli Usa

Nell'attacco uccisi almeno 58 miliziani filo Assad. Washington: "Non abbiamo colpito in quell'area"