LUNEDÌ 13 NOVEMBRE 2017, 15:39, IN TERRIS


GENDER

Via la censura ai manifesti del Bus della Libertà

I messaggi contro l'educazione di genere da propinare ai bambini erano stati bloccati dall'entre preposto

REDAZIONE
D

ietrofront dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (Iap) in merito alla campagna pubblicitaria del Bus della Libertà. L'ente, investito della questione dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in un primo momento aveva censurato i manifesti definendoli in violazione dell’articolo 10, giacché offenderebbero “convinzioni morali, civili e religiose”, e l’articolo 11 che invita ad avere cura dei messaggi rivolti ai bambini per non danneggiarli.

Nei giorni scorsi è giunto però il ripensamento. Le “accuse strumentali”, spiega Jacopo Coghe, presidente di Generazione Famiglia a Il Giornale.it, “sono state smontate una dopo l’altra grazie ad una memoria difensiva, molto accurata, presentata al Giurì dai nostri avvocati”. L'assoluzione dimostra - aggiunge Coghe - che "ancora esiste un briciolo di libertà".

Sulla vicenda è intervenuto con un comunicato anche il Centro Studi Rosario Livatino, osservando: "Vale la pena di sottolineare fin d’ora la grande importanza di questa pronuncia. Da oggi, infatti, deve ritenersi accertato che chiamare 'violenza di genere' quella che si compie nelle scuole ai danni dei bambini sottoposti ad iniziative pro-gender, nonché ribadire esplicitamente che 'I bambini sono maschi e le bambine sono femmine', non soltanto è lecito ma è anche corretto dal punto di vista della deontologia pubblicitaria."

I manifesti in questione raffigurano due bambini stilizzati, un maschio e una femmina, sormontati dalla scritta “Basta violenza di genere” sui bambini.

Messaggi sulla stessa lunghezza d'onda sono quelli diffusi dal Bus della Libertà, che ha girato diverse città italiane dal 23 al 30 settembre e il centro di Roma per oltre una settimana ad ottobre: “I bambini sono maschi, le bambine sono femmine” e “#StopGender nelle scuole”. L'automezzo è stato foriero di polemiche. A Napoli, ad esempio, il Comune ha negato l'autorizzazione a sostare in città, dopo però averla rilasciata.

Con buona pace dei suoi detrattori, il Bus della Libertà - promettono gli organizzatori dell'iniziativa - tornerà a solcare le strade d'Italia.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?

#STOPGENDER: IL "BUS DELLA LIBERTA'" SCALDA I MOTORI

manifestazione bus della libertà
“I bambini sono maschi, le bambine sono femmine”. Un concetto che appare ovvio, pleonastico, ma non inutile da ribadire. In un tempo in...

Napoli contro il bus che difende la famiglia?

Il Comune partenopeo revoca l'autorizzazione a sostare in città al "Bus della Libertà". Gandolfini: "Dittatura del pensiero unico". De Magistris: "Campagna transfobica"

NEWS
La sede della Corte suprema polacca
GIUSTIZIA

Polonia deferita davanti alla Corte Ue

Secondo la Commissione la riforma della Corte suprema viola l'indipendenza dei giudici
Il viadotto Marco Polo, in via di Varlungo a Firenze, teatro dell'aggressione
FIRENZE

Aggredita e violentata una studentessa

La violenza è avvenuta poco dopo mezzanotte in via di Varlungo
TERREMOTO

Crollo del campanile di Accumoli, al via il processo

La torre campanaria piombò sul tetto dell'edificio adiacente uccidendo la famiglia Tuccio
Brexit
BREXIT

May al bivio, c'è lo spettro del voto bis

Ore calde per la premier dopo il flop di Salisburgo, Corbyn non chiude al nuovo referendum ma spinge per le elezioni anticipate
VACCINI

Nas scoprono false certificazioni: sette denunce

Il reato ipotizzato nei loro confronti è di falso ideologico
UGANDA

Le missioni aiutano mamme e neonati in ospedale

Al “St Luke Health Centre" acquistati un'ambulanza, incubatrici e macchinari per le ecografie
BOLOGNA

Frode fiscale internazionale: 16 indagati

Sequestrati beni mobili e immobili per quasi 25 milioni di euro
I soccorsi davanti l'archivio di Stato ad Arezzo il giorno della tragedia
TRAGEDIA NELL'ARCHIVIO DI STATO

Dipendenti morti ad Arezzo: 5 indagati

Disposta l'autopsia sui corpi dei due dipendenti deceduti a causa dell'intossicazione da argon
TUNISIA

Alluvioni a Cap Bon: almeno 6 morti

Le piogge torrenziali in Tunisia sono state provocate dal ciclone che si è formato nel Mar Tirreno e che nei giorni scorsi...
Arresti nella cosca Alvaro
REGGIO CALABRIA

‘Ndrangheta: smantellata la cosca Alvaro

Tra i 18 fermi anche il sondaco di Delianuova Francesco Rossi
Aleksei Navalny
RUSSIA

E' durata poco la libertà di Navalny

Oppositore scarcerato e poi arrestato. Ha partecipato a proteste non autorizzate
Il Papa durante l'incontro con le autorità lettoni - Foto © Vatican Media
VIAGGIO NEI PAESI BALTICI

Il Papa a Riga: "La libertà è costruita sulle radici"

Il Santo Padre incontra le autorità lettoni: "La maternità della Lettonia focalizza strategie per le...