MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS

Social media, l'esperto: "Il rischio depressione esiste"

Intervista al professor Luigi Janiri, docente di psicologia e psichiatria alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore

MANUELA PETRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Le icone delle piattaforme social più utilizzate
Le icone delle piattaforme social più utilizzate
L'

utilizzo dei social media può provocare la depressione o amplificare i sintomi di una patologia psicologica già esistente? Uno studio sperimentale su Facebook, Instagram e Snapchat, condotto dall'Università della Pennsylvania, sembrarispondere in modo afferamtivo a questa domanda. Tra un like su Facebook e un "cuoricino" su Instagram, infatti, il rischio di finire risucchiati nel vortice delle relazioni virtuali sembra essere dietro l'angolo. 

La ricerca ha coinvolto alcuni studenti universitari, cui è stato chiesto mediante questionario quale fosse il proprio umore e il proprio benessere dopo aver trascorso un tot di tempo – calcolato mediante analisi dello smartphone – online. I giovani sono stati poi divisi in due gruppi, uno di controllo – in cui i tempi di navigazione sul web non variavano rispetto a quanto precedentemente rilevato – e uno sperimentale, nel quale i soggetti potevano accedere a ciascuna piattaforma social per massimo 10 minuti al giorno. Il tutto per tre settimane. Al termine sono state tirate le somme dell’esperimento. Si è scoperto che un minor utilizzo dei social aumenta il benessere individuale, riducendo ansia, depressione e senso di solitudine.  Una ricerca interessante che stabilisce una prima correlazione fra uso massivo dei social media e talune forme di alterazioni psicologiche. Ma perché questo avviene? In Terris ne ha parlato con il professor Luigi Janiri, docente di  psichiatria e psicologia alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. 

Professor Janiri, in che modo queste piattaforme, pensate per connettere le persone possono procurare la depressione?
"Intanto c'è da dire che quella proposta dal mondo dei social network è una socializzazione virtuale, non reale. La possibile origine di una depressione risiederebbe nel fatto che esiste un'illusione di stringere delle relazioni interpersonali che però sono assolutamente non complete, sono per l'appunto virtuali, nel senso vero, reale, concreto e simbolico del termine. Mancano le caratteristiche umane del contatto interpersonale della relazione, la quale si basa su altri principi: quello dell'incontro, del dialogo, del contatto sensoriale. Venendo a mancare questa dimensione e alimentandosi solo di un'illusione, chiaramente il tutto alla fine risulta insoddisfacente, non gratificante. Quello di cui hanno bisogno le persone, in generale, è il contatto sociale, uno dei più importanti antidepressivi. I rapporti che vengono stretti attraverso la rete e i social, possono sfuggire al controllo e questo, può causare problemi importanti a chi ha particolari vulnerabilità".

Come ci si accorge che una persona, frequentatrice assidua dei social, sta scivolando verso la depressione?
"Uno dei segnali è l'aumentare del numero delle ore dedicato alla connessione online per cercare di avere contatti, reperire notizie sugli altri, di avere questa sorta di pseudo-socialità, nel tentativo di ottenere una gratificazione che non è disponibile. La frequentazione dei social diventa un'attività esclusiva che quindi comincia, come per le dipendenze, a rubare il tempo ad altre attività importanti, comprese le relazioni umane: la persona diventa sempre più chiusa, sempre meno disponibile a uscire, a vedere e incontrare gli altri, e si rinchiude in questa sorta di mondo quasi autistico. Questi sono i primi segnali ai quali, ben presto, ne possono seguire altri importanti: l'abbassamento del tono dell'umore, le crisi di pianto, la caduta dell'autostima, i pensieri negativi, pessimistici - addirittura autolesionistici -, la mancanza di motivazione nel fare le cose e di piacere, l'apatia, i disturbi del ritmo sonno-veglia e dell'alimentazione, crisi di ansia, oppure al contrario una specie di ritardo o rallentamento psicomotorio. Queste persone possono cominciare ad avere problemi ad alzarsi la mattina. Sono segnali di depressione ma anche di dipendenza".

Perché i giovani scelgono di passare tanto tempo sulle piattaforme social invece di coltivare relazioni concrete?
"Intanto c'è certamente un'offerta sempre più pressante. Come in tutte le forme di dipendenza bisogna considerare la fragilità, la vulnerabilità delle persone, ma anche quello che è lo stimolo ambientale. Se l'ambiente è eccessivamente ricco di stimoli, è chiaro che si può facilmente instaurare una dipendenza patologica con il mezzo. Dal punto di vista individuale, bisogna ricorrere al concetto della vulnerabilità, cioè della predisposizione, della fragilità di alcune persone o adolescenti - che in questo periodo storico stanno aumentando per tanti motivi, sia sociali che psicopatologici - che fa da terreno predisponente al fatto di sviluppare un uso pervasivo ed esclusivo dei social rispetto alle relazioni normali. Inoltre, quando si tratta di adolescenti bisogna pensare che la rete offre anche una certa 'schermatura', ossia permette di proteggere, difendere, nascondere e controllare le proprie emozioni. E questo, per delle persone fragili, rappresenta un apparente vantaggio. Si ha l'illusione di essere in contatto con tutti, quando poi invece in realtà non si ha la possibilità di stringere niente. E' questa la trappola".

Alcuni social network, grazie all'utilizzo di fotografie o video, permettono agli utenti di ostentare ogni aspetto della loro vita, ponendo in particolare rilievo soprattutto quelli più fashion e glamour. E' anche questo un modo per fuggire dalla realtà quotidiana?
"Certamente sì, perché il fatto di avere a disposizione dei mezzi espressivi e recettivi che sono particolarmente attraenti in termini di moda, di uso e condivisione con altri coetanei, dà un'impressione, prima di tutto, di essere parte di un gruppo. Diventa anche poi un gioco di rewarding, molto gratificante, il poter utilizzare ed essere parte di una rete di socializzazione particolarmente brillante e glamour; ci si può vantare di fronte a se stessi e  agli altri di poter utilizzare un certo tipo di connessione sociale. Né più né meno rispetto a quello che avviene nella socializzazione normali: noi pure siamo gratificati se abbiamo rapporti sociali di alto livello, o all'interno di reti di collegamento e di associazione molto appetibili".

C'è bisogno di fare informazione nei confronti dei genitori per vigilare sui figli sull'utilizzo dei social?
"Senza dubbio sì. Ci sono anche dei piccoli volumi, dei vademecum, delle opere indirizzate, in modo pedagogico, all'insegnamento, al training, ai suggerimenti, ai consigli da dare ai genitori che hanno dei figli con questo problema che, purtroppo, stanno diventando progressivamente la maggioranza. Tutti i giovani cominciano ad avere o dimostrare quelli che potrebbero apparire dei problemi o comunque sicuramente dei segnali di rischio nei confronti dell'uso di internet e dei social media. I genitori devono essere molto attenti a identificare questi primi segnali per cercare di prevenire veri e propri disturbi. Devono informarsi sui rischi e sulle patologie collegate e riportare queste informazioni ai ragazzi. Tutto questo dovrebbe essere oggetto di campagne di comunicazione e prevenzione nelle scuole e nelle agenzie primarie. Appena si colgono dei segnali specifici di disagio, dei sintomi, bisogna cercare di ottenere il consenso del ragazzo e di accompagnarlo in un centro specialistico che possa aiutarlo ad orientarsi in quello che potrebbe essere già un problema clinico". 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca