GIOVEDÌ 19 APRILE 2018, 12:20, IN TERRIS


RAPPORTO OSSERVASALUTE

Cancro, al Sud si muore di più

Il tasso di mortalità per tumori e malattie croniche è infatti maggiore di una percentuale non irrisoria, che va dal 5 al 28%

REDAZIONE
Un ospedale italiano
Un ospedale italiano
A

l Sud si muore di cancro più che nel resto della Penisola. Il tasso di mortalità per tumori e malattie croniche è infatti maggiore di una percentuale non irrisoria, che va dal 5 al 28%. Lo evdenzia il direttore scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla salute delle regioni italiane, Alessandro Solipaca, in occasione della presentazione del Rapporto Osservasalute.


Campania fanalino di coda 

E' la Campania la regione italiana con i dati peggiori, mentre si muore di meno dove la prevenzione funziona, ovvero nelle regioni settentrionali. Riferendosi al gap tra le regioni italiane, il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Walter Ricciardi, sottolinea su Ansa come "si tratta di differenze inique perché non 'naturali', ma frutto di scelte politiche e gestionali".

"E' evidente il fallimento del Servizio Sanitario Nazionale (Ssn), anche nella sua ultima versione federalista, nel ridurre le differenze di spesa e della performance fra le regioni italiane" prosegue Ricciardi. È dunque "auspicabile - afferma - che si intervenga al più presto partendo da un riequilibrio del riparto del Fondo Sanitario Nazionale, non basato sui bisogni teorici desumibili solo dalla struttura demografica delle Regioni, ma sui reali bisogni di salute, così come è urgente un recupero di qualità gestionale e operativa del sistema, troppo deficitarie nelle regioni del Mezzogiorno, come ampiamente evidenziato nel nuovo Rapporto Osservasalute".


Anziani

Fra 10 anni in Italia ci saranno 6,3 milioni di anziani non autonomi. Lo evidenzia la proiezione del Rapporto Osservasalute 2017. Nello specifico, nel 2028, tra gli over-65 le persone non in grado di svolgere le attività quotidiane per la cura di se stessi (dal lavarsi al mangiare) saranno circa 1,6 mln (100 mila in più rispetto a oggi), mentre quelle con problemi di autonomia (preparare i pasti, gestire le medicine e le attività domestiche) arriveranno a 4,7 mln (+700 mila). Ciò, conclude il Rapporto, porrà "seri problemi per l'assistenza".

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il bus dopo lo schianto
SVIZZERA

Zurigo, si schianta un Flixbus

Il conducente ha perso il controllo a causa dell'asfalto innevato: una vittima e 44 feriti, 3 gravi
La mappa Gem
PAVIA

Realizzate le mappe dei terremoti mondiali

Sono tre: pericolosità (“Hazard Model”), esposizione (“Global Exposure”) e rischio (“Risk...
La Bce

C'è del marcio

"L'appartenenza alla moneta unica gioca un ruolo fondamentale" per i paesi europei, anche perché...
Regali natalizi da internet
ECONOMIA

Natale: crescono gli acquisti online

In due mesi veduti 6,8 mld di prodotti, al top tecnologia e giocattoli
Recep Tayyip Erdogan
TURCHIA

Erdogan: "Lotta senza tregua al terrore"

Il presidente ha aperto la campagna elettorale per le amministrative
Di Maio, Conte e Salvini
MANOVRA

Nuovo vertice per sciogliere i nodi

Riunione di governo a Palazzo Chigi. Sul testo, intanto, piovono gli emendamenti