Coronavirus, calano i contagi: 1.587 in 24 ore, 15 le vittime

Leggera flessione rispetto alla giornata di ieri ma il trend è stabile. 83.428 i tamponi effettuati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15
contagi

Leggera flessione nell’andamento dei contagi da coronavirus in Italia. Secondo quanto riferito dal Ministero della Salute, i nuovi casi si attestano a 1.587 nelle ultime 24 ore, mentre le vittime arrivano a 15. Ieri, rispettivamente, contagi e decessi si erano attestati a 1.638 e 24. Il numero totale degli attualmente positivi sale a 298.156. I tamponi effettuati a livello giornaliero sono 82.428, quindi meno rispetto alla giornata di ieri (103.223). Leggero aumento delle terapie intensive, con 7 in più rispetto a 24 ore fa, per un totale di 222. I ricoverati con sintomi scendono di 15 unità (2.365 in totale), mentre in isolamento domiciliare si trovano ora 40.511 persone, 55 meno di ieri. I guariti si attestano a 937 unità, salendo a 44.098 dall’inizio della pandemia.

Coronavirus, i dati regionali

La Lombardia resta la regione con il maggior numero di casi, con 211 positivi, davanti a Veneto (173), Campania (171), Lazio (165) e Toscana (147). Per quanto riguarda il territorio lombardo, i tamponi eseguiti sono stati quasi 15 mila, mentre le vittime sono 5. Sono 10 le persone individuati positive dopo il test sierologico. Buono l’andamento dei dimessi (+ 134). In Veneto, sono 4 i nuovi decessi, mentre il totale di positivi arriva a 3.093, 48 in più rispetto a ieri. Leggera flessione nel Lazio, dove l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato ha spiegato che i tamponi eseguiti sono stati più o meno lo stesso numero di ieri (circa 10 mila). Calano però i contagi (165 contro i 197 di ieri, 119 solo a Roma) e non è stato registrato nessun decesso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.