Mattanza nelle case di cura per anziani in Germania

In nessun posto muoiono così tanti anziani col Covid come nelle Rsa tedesche. Nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore nel Paese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:26

In nessun posto muoiono così tanti pazienti per o col Covid come nelle case di cura per anziani in Germania. Lo scrive oggi la Bild, in un articolo titolato “la catastrofe del Coronavirus nell’assistenza agli anziani“, nel quale il tabloid pubblica alcuni dati “drammatici” sulle percentuali delle vittime.

Anziani morti nelle rsa tedesche

Nel Land di Berlino, ad esempio, dal 1 ottobre a metà dicembre, si legge, le vittime nei centri per anziani sono state 422, e cioè il 63% del totale. Ad Amburgo, sono state 136, il che vuol dire il 65% delle vittime complessive della città anseatica. Nello Schleswig-Holstein la quota segnalata è addirittura del 90%.

Bollettino coronavirus

Nuovo record di contagi da Covid in Germania nelle ultime 24 ore, con 33.777 nuove infezioni e 813 vittime. Lo rivela il rapporto quotidiano del Robert Koch Institut. Con queste cifre, la Germania raggiunge il secondo valore più alto nel giro di due settimane. In totale, da inizio pandemia, la Germania (12esima nazione più colpita al mondo per numero di casi, l’Italia è ottava) ha 1 milione 450.00 positivi e 25.027 morti. Lo riporta la Johns Hopkins University.

Il covid nel mondo oggi

Nel mondo i casi ufficiali di coronavirus registrati dall’inizio della pandemia sono 74.952.221, con 1.662.127 decessi. Lo rivelano sempre i dati della Johns Hopkins University aggiornati al 18 dicembre.

Il Paese più colpito, in termini assoluti, rimangono gli Stati Uniti (oltre 17 milioni di contagiati e 310mila morti). Poi ci sono l’India (secondo per numero di contagi: quasi 10 milioni, e terzo per numero di morti: 144.800) e il Brasile (secondo per numero di vittime: 184.830 e terzo per numero di casi, poco più di 7 milioni). A seguire, nella top ten delle Nazioni più colpite: Russia, Francia, Turchia, Gran Bretagna, Italia, Spagna e Argentina.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.