Il rapporto della monarchia con la Chiesa d’Inghilterra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

Il titolo della defunta regina Elisabetta II era “Regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord”. Il figlio maggiore ha ereditato questo titolo subito dopo la sua morte. Uno degli altri titoli ereditati da Carlo III è “Difensore della fede”. Papa Leone X lo conferì a Enrico VIII nel 1521, in riconoscimento della difesa da parte di Enrico dell’insegnamento cattolico durante le prime fasi della Riforma protestante. Ironia della sorte, lo stesso Enrico VIII in seguito ruppe con Roma e si dichiarò capo della Chiesa d’Inghilterra.

Il rapporto del monarca con la Chiesa d’Inghilterra si è evoluto nel corso degli anni e il re Carlo ora ne diventa il “Governatore Supremo”. Tale Chiesa, è solo la Chiesa di Stato “stabilita” in Inghilterra. I suoi vescovi e altri dignitari sono nominati dalla Corona su consiglio del governo e tutto il clero giura fedeltà al monarca. Il ruolo della Corona nella Chiesa d’Inghilterra è, tuttavia, in gran parte cerimoniale e morale.

Ovunque l’impero britannico si sia esteso nel corso dei secoli, i coloni portarono con sé la loro forma di protestantesimo episcopale. Ciò che non è ampiamente compreso al di fuori dei Paesi interessati è che, sebbene la Gran Bretagna non abbia più un impero, molte delle sue ex colonie mantengono il monarca britannico come capo di Stato. Di conseguenza, Carlo III non è solo re di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, è anche re di Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Belize, Canada, Grenada, Giamaica, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, San Cristoforo e Nevis, San Vincent e Grenadine, le Isole Salomone e Tuvalu. Le chiese locali in tutto il mondo nel tempo divennero indipendenti dalla Chiesa d’Inghilterra e autonome. Negli ultimi 150 anni, a causa delle loro radici storiche nella Chiesa d’Inghilterra, sono diventate note come chiese “anglicane”. Queste chiese esistono non solo nei territori in cui re Carlo III è sovrano, ma in tutto il mondo. Oggi ci sono 42 chiese membri (note anche come “province”) nella Comunione anglicana, con oltre 80 milioni di membri.

Non esiste, infatti, una “Chiesa anglicana”. Piuttosto, le numerose chiese anglicane in tutto il mondo insieme costituiscono la Comunione anglicana. Quest’ultima è un’associazione di chiese, ciascuna con le proprie strutture di governo ma tutte in comunione con l’arcivescovo di Canterbury. L’arcivescovo di Canterbury non ha autorità diretta in nessuna di queste chiese, a parte la sua Chiesa d’Inghilterra, ma funge da centro di unità e costituisce uno degli “strumenti di comunione” dell’anglicanesimo.

La corona britannica non ha alcuna autorità nelle altre chiese della Comunione anglicana e l’adesione di re Carlo, quindi, non ha alcun impatto diretto su di loro. Tuttavia, diventa Governatore Supremo della Chiesa d’Inghilterra. Quando sarà incoronato, avverrà durante una liturgia della Chiesa d’Inghilterra. Carlo aveva parlato in passato del fatto che un giorno sarebbe stato “Difensore delle fedi” piuttosto che “Difensore della fede” e molti temevano che avrebbe cercato di stemperare il carattere cristiano del suo ruolo. In questi giorni successivi alla morte di sua madre, ha voluto sottolineare la continuità piuttosto che il cambiamento e si è sforzato di sottolineare la sua fede cristiana anglicana. Nel suo primo discorso alla nazione, ha detto: “Rimangono anche il ruolo e i doveri della monarchia, così come la particolare relazione e responsabilità del Sovrano nei confronti della Chiesa d’Inghilterra, la Chiesa in cui la mia stessa fede è così profondamente radicata”. I cristiani di tutte le confessioni pregheranno per lui mentre assume i suoi sacri doveri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.