L’ultima lettera agli azionisti del fondatore di Amazon

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Nel 1997, il CEO di Amazon, Jeff Bezos, scrisse la sua prima lettera agli azionisti e divenne un punto di riferimento per le startup successive.
Nonostante le piccole dimensioni di Amazon all’epoca, la lettera di Bezos agli azionisti delineò una visione audace per l’azienda: un’attenzione incessante ai clienti sopra ogni altra cosa e una priorità del reinvestimento rispetto ai rendimenti degli azionisti a breve termine.
Da allora, ogni anno Bezos ha scritto una nuova lettera agli azionisti, sempre molto attesa.
Anche il 5 luglio, data delle sue dimissioni dalla carica di amministratore delegato, Bezos ha pubblicato la sua ultima lettera del 2021.

In essa, Bezos evidenzia un concetto critico che ha guidato la sua supervisione su una delle più grandi aziende del mondo: “Devi creare più di quanto consumi”, afferma Bezos nella lettera. “Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di creare valore per tutti coloro con cui interagisci”.
Egli difende anche Amazon come “il miglior datore di lavoro della Terra e il posto di lavoro più sicuro della Terra”, una confutazione diretta delle ripetute accuse da parte dei dipendenti delle consegne e del magazzino che affermano di essere oberati di lavoro e di essere costretti a fare pipì in bottiglia per risparmiare tempo. “Il fatto è che il grande team di migliaia di persone che guidano le operazioni di Amazon si è sempre preso molta cura dei nostri dipendenti e siamo orgogliosi dell’ambiente di lavoro che abbiamo creato”, ha affermato Bezos.
E guarda anche al futuro, in cui Andy Jassy assumerà la carica di CEO. “È un lavoro duro con molte responsabilità”, ha detto. “Andy è brillante e ha ottime qualità. Vi garantisco che Andy non permetterà che l’universo ci renda “standard”.”

Ecco alcuni punti essenziali della lettera:

Ai nostri azionisti:

Nella lettera agli azionisti di Amazon del 1997, la nostra prima, ho parlato della nostra speranza di creare un “franchising duraturo”, un nuovo modo di servire i clienti sbloccando il potere di Internet. Ho notato che Amazon era passata da 158 dipendenti a 614 e che avevamo superato 1,5 milioni di account cliente. Eravamo appena diventati pubblici, con un prezzo delle azioni fissato a $ 1,50 per azione. Ho scritto che era il giorno 1.
Da allora abbiamo fatto molta strada e stiamo lavorando più duramente che mai per servire e deliziare i clienti. L’anno scorso abbiamo assunto 500.000 dipendenti e ora impieghiamo direttamente 1,3 milioni di persone in tutto il mondo. Abbiamo più di 200 milioni di membri Prime in tutto il mondo. Più di 1,9 milioni di piccole e medie imprese vendono nel nostro negozio e rappresentano quasi il 60% delle nostre vendite al dettaglio.

I clienti hanno collegato più di 100 milioni di dispositivi per la casa intelligente ad Alexa. Amazon Web Services serve milioni di clienti e ha chiuso il 2020 con un tasso di esecuzione annualizzato di 50 miliardi di dollari. Nel 1997 non avevamo inventato Prime, Marketplace, Alexa o AWS. Non erano nemmeno idee allora, e nessuna era prevista. Abbiamo preso un grande rischio con ognuno di questi progetti, mettendoci spesso sudore e ingegnosità in ognuno di essi.
Lungo la strada, abbiamo creato 1,6 miliardi di dollari di ricchezza per gli azionisti. Loro chi sono? Certo, sono sempre stato il capo e le mie azioni Amazon mi hanno reso ricco. Ma più di 7/8 delle azioni, che rappresentano 1,4 miliardi di dollari di creazione di ricchezza, sono di proprietà di altri. Loro chi sono? Sono fondi pensione, università, aziende e persone.

Conosco persone che hanno usato i soldi di Amazon per l’università, per le emergenze, per la casa, per le vacanze, per avviare un’attività in proprio, per beneficenza e l’elenco potrebbe continuare. Sono orgoglioso della ricchezza che abbiamo creato per gli azionisti. È significativa e ha migliorato le loro vite. Ma so anche un’altra cosa: non è la parte più grande del valore che abbiamo creato.
Se vuoi avere successo negli affari (nella vita, in realtà), devi creare più di quanto consumi. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di creare valore per tutti coloro con cui interagisci. Qualsiasi attività che non crea valore per coloro che raggiunge, anche se apparentemente di successo, non avrà molta vita.

I clienti completano il 28% degli acquisti su Amazon in tre minuti o meno e la metà di tutti gli acquisti viene completata in meno di 15 minuti. Confrontalo con il tipico giro di shopping in un negozio fisico: guidare, parcheggiare, cercare i corridoi dei negozi, aspettare in coda alla cassa, trovare la tua auto e guidare verso casa. La statistica dice che il tipico viaggio in un negozio fisico dura circa un’ora. Se presumi che un tipico acquisto su Amazon richieda 15 minuti e che ti faccia risparmiare un paio di viaggi in un negozio fisico a settimana, sono più di 75 ore risparmiate all’anno. È importante. Siamo tutti impegnati all’inizio del 21° secolo.

Nel mio prossimo ruolo di presidente esecutivo, mi concentrerò su nuove iniziative. Sono un inventore. È ciò che mi piace di più e ciò che so fare meglio. È dove creo più valore. Sono entusiasta di lavorare a fianco del grande team di persone appassionate che abbiamo.
Sui dettagli, noi di Amazon siamo sempre flessibili, ma sulle questioni di visione siamo testardi e implacabili. Non abbiamo mai fallito quando ci dedichiamo a qualcosa, e non falliremo nemmeno in questo.

Amazon è il più grande acquirente aziendale di energia rinnovabile al mondo. Abbiamo 62 progetti eolici e solari su larga scala e 125 tetti solari su centri di smistamento e smistamento in tutto il mondo. Questi progetti hanno la capacità di generare oltre 6,9 gigawatt e fornire più di 20 milioni di megawattora di energia all’anno.

Il trasporto è una componente importante delle operazioni commerciali di Amazon e la parte più difficile del nostro piano per raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2040. Per aiutare ad accelerare rapidamente il mercato della tecnologia dei veicoli elettrici e per aiutare tutte le aziende a passare a tecnologie più verdi, abbiamo investito più di $ 1 miliardo su Rivian, ordinando 100.000 furgoni elettrici alla società. Abbiamo anche collaborato con Mahindra in India e Mercedes-Benz in Europa. I veicoli elettrici personalizzati di Rivian sono già operativi e sono stati messi in circolazione per la prima volta a Los Angeles lo scorso febbraio. Diecimila nuovi veicoli saranno in circolazione già il prossimo anno e tutti i 100.000 veicoli saranno in circolazione entro il 2030, risparmiando milioni di tonnellate di carbonio.

Un grande motivo per cui vogliamo che le aziende aderiscano a The Climate Pledge è segnalare al mercato che le aziende dovrebbero iniziare a inventare e sviluppare nuove tecnologie di cui i firmatari hanno bisogno per mantenere il Pledge. Il nostro acquisto di 100.000 furgoni elettrici Rivian ne è un perfetto esempio.

Per accelerare ulteriormente gli investimenti nelle nuove tecnologie necessarie per costruire un’economia a zero emissioni di carbonio, lo scorso giugno abbiamo introdotto il Climate Pledge Fund. Il programma di investimento è iniziato con 2 miliardi di dollari da investire in aziende visionarie che mirano a facilitare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Amazon ha già annunciato investimenti in CarbonCure Technologies, Pachama, Redwood Materials, Rivian, Turntide Technologies, ZeroAvia e Infinium – e queste sono solo alcune delle aziende innovative che speriamo possano costruire l’economia a zero emissioni di carbonio del futuro.

Ho anche personalmente stanziato 10 miliardi di dollari per fornire sovvenzioni per aiutare a catalizzare il cambiamento sistemico di cui avremo bisogno nel prossimo decennio. Sosterremo eminenti scienziati, attivisti, ONG, organizzazioni per la giustizia ambientale e altri che lavorano per combattere il cambiamento climatico e proteggere il mondo naturale. Alla fine dell’anno scorso, ho fatto il mio primo giro di sovvenzioni a 16 organizzazioni che lavorano su soluzioni innovative e in mobilità. Ci sarà un’azione collettiva da parte di grandi aziende, piccole aziende, stati nazionali, organizzazioni globali e individui, e sono entusiasta di far parte di questo viaggio, oltre che ottimista sul fatto che l’umanità possa unirsi per risolvere questa sfida.

La differenziazione è sopravvivenza e l’universo vuole che tu sia “standard”.
Questa è la mia ultima lettera annuale agli azionisti come CEO di Amazon e ho un’ultima cosa della massima importanza che mi sento in dovere di insegnare. Spero che tutti gli “amazzonici” lo prendano a cuore.
Sappiamo tutti che l’unicità, l’originalità, è preziosa. A tutti viene insegnato a “essere sé stessi”. Quello che ti sto davvero chiedendo di fare è di essere realistico nel pensare a quanta energia ci vuole per mantenere quel carattere distintivo. Il mondo vuole che tu sia “standard” – in mille modi, ti attira. Non lasciare che accada.
Il mondo cercherà sempre di rendere Amazon più “standard”, per portarci in equilibrio con il nostro ambiente. Ci vorrà uno sforzo continuo, ma possiamo e dobbiamo essere migliori di così.

* * *

Come sempre, allego la nostra lettera agli azionisti del 1997. Si concludeva con questo: “Noi di Amazon.com siamo grati ai nostri clienti per la loro attività e fiducia, gli uni agli altri per il nostro duro lavoro e ai nostri azionisti per il loro sostegno e incoraggiamento”. Questo non è mai cambiato. Voglio ringraziare in particolare Andy Jassy per aver accettato di assumere il ruolo di CEO. È un lavoro duro con molte responsabilità.

Andy è brillante e ha altissime competenze. Vi garantisco che Andy non lascerà che l’universo ci renda “standard”. Raccoglierà l’energia necessaria per mantenere vivo in noi ciò che ci rende speciali. Non sarà facile, ma è fondamentale. Prevedo anche che sarà soddisfacente e spesso divertente. Grazie, Andy.

A tutti voi: siate gentili, siate originali, create più di quanto consumate e mai, mai, mai lasciate che l’universo cambi le vostre idee. Restate sempre al vostro giorno 1.

Cordiali saluti,

Jeffrey P. Bezos
Fondatore e Amministratore Delegato
Amazon.com, Inc.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.