Ecco cos’è la “decarcerazione intelligente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:33
Decarcerazione

Si dice da sempre che i giovani possono cambiare il mondo… Meno di due anni fa, Clementine Jacoby ha co-fondato Recidiviz, una realtà non-profit che vuole provare ad elaborare una smisurata quantità di dati per provare a creare un sistema di giustizia penale più equo.

Grazie ad un team di tecnici provenienti da Google, Apple e Dropbox e a consulenti specializzati, Recidiviz ha già avuto impatti molto positivi su carcerati e comunità.

L’interesse di Clementine per la giustizia penale è cresciuto durante i suoi anni di laurea alla Stanford University. Durante gli studi, Clementine ha insegnato danza in una prigione locale e, quando si è presa un anno di pausa dagli studi per unirsi a un circo in Brasile, ha lavorato in un programma di inserimento dei giovani delle gang nel mondo del circo.

“Mi ha colpito il fatto che l’insegnamento nel circo fosse uno dei migliori deterrenti al crimine e uno dei più potenti strumenti per cambiare il comportamento dei ragazzi, piuttosto che la loro incarcerazione”, dice Clementine. “Sono tornata a casa, dopo quella bellissima esperienza, consapevole che il sistema di giustizia minorile degli Stati Uniti non è in grado di aiutare i bambini a stare fuori dai guai. Dovevo fare assolutamente qualcosa!”.

Dopo la laurea, Clementine è stata assunta da Google. Recidiviz è stato lanciato dai fondatori nel febbraio 2019. Recidiviz mira a promuovere la “decarcerazione intelligente” e ad abbassare i tassi di recidività dei carcerati negli Stati Uniti.

L’American Action Forum stima che il costo sociale ed economico dell’attuale sistema di giustizia penale potrebbe arrivare fino a 1,2 miliardi di dollari: “Oltre a un prezzo elevato, lo status quo mina la parità di diritti, danneggia le comunità e contribuisce in modo sproporzionato all’ingiustizia razziale”.

Recidiviz, attraverso un’accurata raccolta e analisi dei dati, vuole aiutare gli amministratori delle carceri a prendere decisioni serie e decise su richiesta di rilascio, soprattutto durante la pandemia da Coronavirus. “Non è stato difficile fare i conti e vedere che le prigioni sovraffollate potevano diventare mortali”, dice Clementine.

Lo strumento di Recidiviz ha previsto il tasso di diffusione dell’infezione e il conseguente aumento dei letti in terapia intensiva, in diversi scenari politici, dimostrando ai funzionari addetti alle decisioni delle pene le variazioni dell‘impatto economico e sociale sulla base delle scelte prese. Entro 48 ore, ogni stato aveva scaricato lo strumento e la National Governors Association ha incoraggiato i funzionari a trarre vantaggio dalle informazioni suggerite dal sistema.

I 34 stati che si sono affidati allo strumento sono stati in grado di raccomandare più di 44.000 persone per il rilascio anticipato. I dati sono ancora “preliminari”, ma indicano che gli individui rilasciati durante COVID grazie a Recidiviz hanno ricevuto valutazioni sicuramente più positive rispetto a quelli rilasciati con procedure normali.

Caroline ritiene che questa esperienza dimostri che una decarcerazione rapida e sicura sia possibile e che i dati possono aiutare a promuoverla. Recidiviz ha anche iniziato a utilizzare la sua piattaforma per aiutare gli stati a rendere disponibili pubblicamente i dati sulla giustizia penale.

Lo scorso agosto, Recidiviz e il Dipartimento per le correzioni e la riabilitazione del Nord Dakota (NDDOCR) hanno lanciato una pagina Web che consente l’accesso pubblico alle informazioni in tempo reale sul sistema di giustizia penale del loro stato, compresi i dati su condanne, prigioni, libertà vigilata, libertà vigilata e disparità razziali.

“Questo rappresenta un grande passo avanti in termini di trasparenza e tempestività”, ha spiegato Clementine, “Di solito i dati importanti sono disponibili con intervalli di mesi o addirittura anni, il che rende molto difficile per i responsabili politici, gli accademici e il pubblico capire cosa funziona e cosa no.”

“E se ogni stato potesse utilizzare i propri dati per stabilire e raggiungere obiettivi misurabili? E se governatori e legislatori potessero facilmente monitorare se la legislazione sta, in quel momento, avendo il suo impatto previsto?” Si interroga Clementine.

“Portare alla luce i dati sulla giustizia penale stimolerà dialoghi su come migliorare il nostro sistema di giustizia penale a beneficio di tutti”, ha affermato il direttore esecutivo di CKI Derek Johnson. “Lavorando a fianco dei dipartimenti correttivi, Clementine e il suo team hanno dimostrato che è possibile apportare cambiamenti che salvano vite, risparmiano denaro e producono risultati migliori per le comunità. Siamo entusiasti di sostenere i loro sforzi “.

Il tema delle carceri tocca personalmente Clementine: “in famiglia c’è stato un caso”, dice, “che andava risolto con la cura non con le sbarre”! A Google era tutto facile, forse scontato per lei. Ma usare la tecnologia dei dati per aiutare chi ha sbagliato nella vita e vuole provare a ricominciare, deve esserle parso il vero modo che aveva per cambiare il mondo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.