Castagnole all'anice

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Aarriva il Carnevale, e cosa c'è di meglio che deliziare il palato tra coriandoli, stelle filanti e mascherine se non con le castagnole? Dolce d'origine romagnola, consistono in bocconcini di pasta fritta rotolati nello zucchero semolato. Vengono preparate in molte regioni d’Italia, con anice o altri aromi, e a volte, farcite con crema pasticcera

Ingredienti

40 gr di burro;
200 gr di farina 00;
2 uova;
50 gr di zucchero; 
½ scorza di limone;
1 cucchiaio di liquore all'anice;
Sale q.b.;
8 gr di lievito in polvere;
1 baccello di vaniglia;
zucchero q.b.;
Olio di semi di arachide per friggere.

Procedimento

Per prima cosa incidere il baccello di vaniglia e prelevarne i semi, quindi unirli allo zucchero e mescolare. In un'altra ciotola mettere la farina, aggiungere poi lo zucchero mescolato ai semini di vaniglia e le uova. Aggiungere poi il burro a pomata, la scorza grattugiata del limone e il liquore all'anice. Aggiungere un pizzico di sale e il lievito setacciato. Una volta uniti tutti gli ingredienti iniziare a mescolarli con una forchetta. Poi proseguire impastando a mano fino ad ottenere un composto uniferme. 

Trasferire il composto su un piano di lavoro leggermente infarinato e con l'aiuto di un tarocco impastate il tutto fino ad ottenere un panetto liscio e morbido. Mettere il panetto in una ciotola e coprirlo con la pellicola per alimenti. Lasciar riposare per circa 30 minuti. Una volta che l'impasto avrà riposato scaldare l'olio che dovrà raggiungere la temperatura di 170°. Prelevare un pò d'impasto dalla ciotola e realizzare un filone su un piano leggermente infarinato; poi utilizzando un tarocco infarinato ritagliare dei pezzetti di pasta di circa 12 g (con le dosi qui menzionate ne usciranno circa una trentina). Modellare ciascuna porzione in modo da ricavare delle palline.

Non appena l'olio sarà caldo, immergere poche palline alla volta. Per agevolare il trasferimento dalla ciotola alla padella si può usare una schiumarola per non distorcerli. Una volta immersi  girare spesso le castagnole con la schiumarola per favorire una cottura uniforme. Quindi scolarle e trasferirle su un foglio di carta paglia così da eliminare l'olio in eccesso. Mettere lo zucchero in una ciotola, poi rotolare le castagnole, ancora calde, all'interno della ciotola. Chi non gradisce il gusto dell'anice può utilizzare al suo posto grappa, rum o strega. Buon appetito!

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.