Sgomberata un'altra casa occupata dagli Spada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:52

Continuano le operazioni di sgombero ad Ostia nei confronti di case occupate abusivamente. Dopo quello di giovedì scorso in via Ingrao nei confronti di un'abitazione che sarebbe stata occupata da Vincenzo Spada, membro dell'omonimo clan, la Polizia Locale oggi è intervenuta in via Forni, per sgomberare un'altra abitazione in mano al clan. L'operazione ha visto coinvolti 150 uomini della Polizia Locale coordinati dal Comandante generale Antonio Di Maggio ed ha visto il supporto del reparto mobile diretto dal commissariato “Lido” della Polizia di Stato.

Raggi: “Liberiamo Roma da illegalità e criminalità”

Ad annunciarlo è la sindaca di Roma, Virginia Raggi, in un tweet. “Questa mattina – scrive – abbiamo sgomberato un'altra casa popolare a Ostia, abusivamente occupata ancora da membri del clan Spada. Insieme alla Polizia Locale non daremo tregua a chi vive nell'illegalità. Andiamo avanti con determinazione e coraggio”. Nell'abitazione sgomberata oggi – spiega la Raggi – “vi vivevano la compagna e i figli di Silvano Spada, mentre quest'ultimo è attualmente agli arresti in carcere. In sua assenza, i familiari hanno continuato indisturbati a occupare l'abitazione”. Su Facebook la prima cittadina ha aggiunto: “Dopo anni di immobilismo, dall’inizio del nostro mandato stiamo controllando le case popolari occupate senza titolo, per liberarle e assegnarle a chi ha diritto e da anni attende in graduatoria per l’assegnazione”. E ancora: “Andiamo avanti con determinazione e coraggio per liberare Roma da illegalità e criminalità”.

L'annuncio di Salvini

Sullo sgombero di stamattina è intervenuto anche Matteo Salvini, ministro dell'Interno. “Avanti con gli sgomberi!”, incita. E annuncia: “A breve un'altra promessa verrà mantenuta: una villa sequestrata in una periferia romana ai Casamonica verrà abbattuta, al suo posto un giardino per i bimbi del quartiere. Dalle parole ai fatti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.