Discariche: Raggi non arretra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34

L'era delle discariche a Roma è tramontata con la chiusura di Malagrotta. Virginia Raggi, con la città in piena emergenza rifiuti, non arretra di un millimetro rispetto alle sue posizioni.

Il “no”

“Roma non vuole discariche e la Città Metropolitana non vuole discariche – ha detto durante il suo intervento in Campidoglio -. Lo dico ai sindaci che sono qui: non vogliamo altre discariche. Mistificare la questione delle aree bianche non farà prendere più voti alle Europee. Serve il coraggio di dire che è il momento di cambiare tutto”. Puntare sulla raccolta differenziata e innovare il sistema di smaltimento dei rifiuti, ha proseguito la sindaca, “non è facile ma bisogna iniziare, e questa amministrazione ha iniziato con molto coraggio. Abbiamo scoperchiato il vaso di Pandora. Abbiamo scoperto che una percentuale tra il 25% e il 30% di utenti non pagava la Tari, stiamo andando a colpire gli utenti fantasma. Si deve fare di più, assessorato e azienda devono fare di più perché Roma merita di più”.

Cambio di passo

Raggi si è detta certa “che i miei colleghi sindaci saranno solidali nel votare con noi in Città Metropolitana un atto in cui si dice che l'area metropolitana non vuole altre discariche o inceneritori. Qui abbiamo avuto Malagrotta e non vogliamo aprirne di nuove, noi no. Per far questo però dobbiamo andare tutti convintamente insieme in un'altra direzione. L'incendio del Tmb ha segnato un punto di svolta da cui non si torna indietro. Al suo posto ora ci sarà un centro direzionale Ama, l'area verrà restituita alla città. Nel frattempo Ama dirà cosa ha messo in campo e come intende proseguire affinché non ci siano più rifiuti per terra, perché fintanto che ci saranno chi vuol fare lotta a questo sistema troverà una scusa. Ama deve fare ancor meglio”.

Bagarre in Aula

L'intervento della sindaca è stato spesso interrotto da urla e contestazioni delle opposizioni che hanno reso necessaria la sospensione della seduta. Il presidente dell'Assemblea capitolina, Marcello De Vito, ha parlato di “disordini” in corso: alcuni esponenti Dem fra il pubblico hanno srotolato uno striscione chiedendo le dimissioni della sindaca. De Vito ha chiesto l'allontanamento dall'Aula del consigliere municipale di Ostia, Athos De Luca (Pd). Allontanato anche un consigliere di opposizione del Municipio di Valle Galeria. Alcuni consiglieri di Fratelli d'Italia inoltre hanno interrotto la seduta spostandosi all'interno dell'emiciclo con un sacco dell'immondizia e indossando magliette con slogan di protesta. Anch'essi sono stati esclusi dall'Aula.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.