Ecco un piatto freddo veloce alla mozzarella di bufala

L'ingrediente "clou" è la mozzarella di bufala, tipicamente prodotta in Campania nelle province di Napoli, Caserta e Salerno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:13

La ricetta che vi proponiamo oggi è particolarmente saporita, semplice da realizzare, economica e soprattutto fresca! L’ingrediente “clou” è la mozzarella di bufala, tipicità casearia prodotta tradizionalmente in Campania, specialmente nelle province di Napoli, Caserta e Salerno. La produzione di questo latticino conosciuto e amato in tutto il mondo si svolge anche in altre parti della Campania, nel Lazio, nell’alta Puglia e nel comune molisano di Venafro.

Ingredienti x 4 persone

3 mozzarelle di bufala
150 gr di olive taggiasche denocciolate
4 fette di pane tostato
300 gr di pomodorini colorati
Basilico
Sale
Olio
Pepe o peperoncino

Procedure del piatto freddo alla bufala

Tostate le fette del pane, aggiungete un po’ di olio e un pizzico di sale. Tagliate la mozzarella di bufala a fette, lasciatela sgocciolare per un po’. Tagliate i pomodorini e conditeli con olio, sale e un pizzico di pepe o peperoncino (se fresco ancora meglio…ma senza esagerare!). Preparate i piatti adagiando una fetta di pane con sopra delle fette di mozzarella e le olive sgocciolate, disponete ai lati del pane i pomodorini conditi. Un filo d’olio, dei ciuffetti di basilico e…buon appetito! Non siete ancora sazi? Vi proponiamo qui la ricetta della bruschetta colorata.

Una curiosità

Il termine mozzarella deriva dal nome dell’operazione di mozzatura compiuta per separare l’impasto in singoli pezzi. È spesso definita regina della cucina mediterranea, ma anche oro bianco o perla della tavola, in ossequio alle pregiate qualità alimentari e gustative del prodotto. Ogni anno in Italia si producono circa 49.500 tonnellate di mozzarella di bufala campana e di queste 14.000 sono quelle destinate all’export.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.