Delizie d’autunno: zuppa mista con verza e funghi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

L’autunno ci offre una vasta gamma di prodotti che possono essere cucinati e trasformati in un’ottima zuppa. La ricetta che vi proponiamo oggi, si abbina bene con un buon vino bianco, come la Vernaccia di san Gimignano. Ecco gli ingredienti e il procedimento per cucinare la zuppa mista con verza e funghi.

Ingredienti

  • 50 grammi di fave secche
  • 75 grammi di ceci secchi
  • 75 grammi di fagioli secchi
  • 300 grammi di verza
  • 1 patata piccola
  • 50 grammi di funghi secchi
  • 1 cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 40 grammi di pecorino grattugiato
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe

Procedimento

In una ciotola versate le fave, i fagioli e i ceci, mescolateli e copriteli con abbondante acqua tiepida e lasciateli in ammollo per 24 ore. Eliminate quelli che galleggiano e scolate il resto dei legumi. Lavateli sotto l’acqua corrente.

Tritate la carota, il sedano e la cipolla. Mettete il trito in una casseruola e fate rosolare con dell’olio. Aggiungete i legumi, coprite con acqua calda, portate ad ebollizione, abbassate la fiamma, coprite ma non completamente la casseruola e lasciate bollire per circa 2 ore e mezza. 

Nel frattempo, mettete i funghi secchi in una tazza di acqua calda e lasciateli in ammollo per 1/2 ora, poi sgocciolate. Pulite e lavate la verza, tagliatela a striscioline; lavate la patata, sbucciatela e tagliatela a pezzettini.

Quando i legumi avranno bollito per circa un’ora, aggiungete la verza, i funghi e la patata e continuate la cottura per circa un’ora e mezza. Una volta pronta, spolverizzate la zuppa con il pecorino grattugiato e servitela.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.