MERCOLEDÌ 26 DICEMBRE 2018, 12:49, IN TERRIS


SANTO STEFANO

Papa Francesco: "La logica del perdono è sempre vincente"

Il Pontefice ha recitato l'Angelus nel giorno in cui la Chiesa celebra il suo primo martire

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco
Papa Francesco
N

el giorno di Santo Stefano, il primo martire della cristianità, Papa Francesco ha recitato l'Angelus in piazza San Pietro.


Le parole del Papa

In occasione della festa che segue il Santo Natale, il Pontefice ha fatto notare che non c'è contraddizione tra la gioia per la nascita di Gesù e il martirio del Protodiacono. "Potrebbe sembrare strano - ha commentato il Papa -accostare la memoria di Santo Stefano alla nascita di Gesù perchè mette in contrasto la gioia di Betlemme e il dramma di Stefano, lapidato a Gerusalemme nella prima persecuzione contro la Chiesa nascente". "In realtà - ha spiegato - non è così perchè il Bambino Gesù è il Figlio di Dio fattosi uomo che salverà l'umanità morendo in croce. Ora Lo contempliamo avvolto in fasce nel presepe, dopo la sua crocifissione sarà nuovamente avvolto da bende e deposto in un sepolcro".


L'esempio di Santo Stefano

Quello di Santo Stefano è un atteggiamento che imita in tutto il suo Maestro. Francesco ha osservato come il Protodiacono "affidava la propria vita a Dio e perdonava. Perdonava i suoi persecutori". E, mentre subiva il martirio, pronunciava "parole del tutto simili a quelle pronunciate da Gesù in croce". L'esempio che arriva da Santo Stefano è un invito rivolto a tutti noi, ha detto il Papa, "ad accogliere con fede dalle mani del Signore ciò che la vita ci riserva di positivo e anche di negativo". Una circostanza resa particolarmente necessaria dal fatto che "la nostra esistenza è segnata non solo dalle circostanze felici ma anche da momenti di difficoltà e smarrimento, ma la fiducia in Dio ci aiuta ad accogliere i momenti faticosi e a viverli come occasione di crescita nella fede e di costruzione di nuove relazioni con i fratelli". "Si tratta - ha continuato Bergoglio - di abbandonarsi nelle mani del Signore che sappiamo essere un Padre ricco di bontà verso i suoi figli".


Il perdono

I cristiani sono chiamati al perdono sempre. Lo ricorda il Pontefice, ricorrendo all'esempio di Santo Stefano: "Il perdono allarga il cuore - ha detto il Papa - genera condivisione, dona serenità e pace. Il protomartire Stefano ci indica la strada da percorrere nelle relazioni interpersonali ed in famiglia, nei luoghi di scuola, di lavoro, in parrocchia e nelle diverse comunità". Perdonando, non si sbaglia mai: "La logica del perdono e della misericordia sempre è vincente, sempre. Apre orizzonti di speranza ma il perdono si coltiva con la preghiera perchè non è facile perdonare. E la preghiera ci permette di tenere lo sguardo fisso su Gesù. Stefano è stato capace di perdonare i suoi uccisori perchè, pieno di spirito santo, fissava il cielo ed aveva gli occhi aperti su Dio. Dalla preghiera - ha concluso Bergoglio - gli venne la forza di subire il martirio". Dopo la benedizione, il Santo Padre ha invocato l'intercessione della Madonna e di Santo Stefano affinchè "la loro preghiera ci aiuti ad affidarci sempre a Dio e specialmente nei momenti difficili ci sostenga nel proposito di essere uomini e donne capaci di perdono".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Giovani universitari - foto di repertorio
ROMA

A scuola di politica nella diocesi del Papa

Da giovedì a sabato la “Summer School” del Vicariato di Roma. La “lectio magistralis” sarà...
TUTELA MINORI

Ostia: foto a bimbi in costume, arrestati

Nei confronti dei due indagati sono stati disposti ulteriori accertamenti
Maria Antonietta Rositani e l'ex marito
BARI

Si aggravano le condizioni di Maria Antonietta Rositani

La donna, bruciata dall'ex marito mesi fa, è stata operata d'urgenza all'intestino
CLIMA

Meteo: caldo in ripresa al Centro-Sud

Le ultime analisi degli esperti fanno temere anche temperature sopra la media
Saracinesche abbassate
CONFESERCENTI

Commercio in tilt: chiudono 14 negozi al giorno

Una "emorragia che ha bruciato almeno 3 miliardi di euro di investimenti delle imprese"
Vittima di sparatoria in Messico
MESSICO

Sparatoria in un bar di Acapulco: 5 morti

Anche 6 feriti, le vittime sarebbero tutte persone del luogo
I soccorsi
ALPINISMO

Recuperato l'alpinista piemontese ferito in Pakistan

"Francesco Cassardo è sull'elicottero verso Skardu" ha detto il compagno di cordata

Cosa sta accadendo alla Deutsche Bank?

C'era una volta la banca. Qualcuno inizierebbe così la narrazione di quello che è successo al...
Sacerdoti africani si preparano a una funzione liturgica a Glasgow, in Scozia
MISSIONE VANGELO

Il lato cattolico d'Africa

In occasione dei 50 anni del Secam, il punto su un Continente con la popolazione cattolica in più rapida crescita
Un incendio esteso nello Stato di Alberta, Canada
OCCHIO SULL'ARTICO

In fiamme l’ex regno dei ghiacci perenni

Il Circolo Polare brucia, oltre 100 incendi da giugno