DOMENICA 21 GENNAIO 2018, 15:20, IN TERRIS


PAPA IN PERÙ

"No alle suore 'terroriste' che sparlano in convento"

Al Santuario del Señor de los Milagros di Lima l'incontro del Pontefice con 500 religiose di clausura

FABIO BERETTA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco incontra le suore di clausura a Lima Photo © Vatican Media
Papa Francesco incontra le suore di clausura a Lima Photo © Vatican Media
"U

na suora che sparla delle altre sorelle in convento è come un 'terrorista': lancia una bomba. Così facendo distrugge la vita delle altre sorelle. Questa è opera del diavolo, che per sua natura è bugiardo". Papa Francesco mette in guardia dai pericoli del demonio le 500 suore di clausura giunte al Santuario del Senor de los Milagros di Lima da ogni parte del Perù per l'incontro con il SantoPadre. In questo Santuario, gestito dalle Madri Nazarene Carmelitane Scalze, il Pontefice inizia la sua ultima giornata in Perù con la preghiera dell'Ora Media. Alle suore suggerisce, scherzando, il metodo più efficace per evitare la tentazione di "parlare alle spalle": "Mordetevi la lingua. Probabilmente le infermiere avranno molto lavoro da fare,ma almeno non lancerete queste bombe che dividono la comunità". Ed è proprio il richiamo all'unità della Chiesa in Perù il cuore del suo discorso.


Una preghiera missionaria...

Rispondendo implicitamente alla stampa locale che in questi giorni ha definito "inutili" le suore di clausura, il Papa ricorda la loro importanza, perchè dal loro convento sanno "stare accanto alla sofferenza di tanti fratelli". "La vostra vita nella clausura riesce ad avere una portata missionaria e universale e un ruolo fondamentale nella vita della Chiesa". Da qui l'invito a pregare "per tanti fratelli e sorelle che sono carcerati, migranti, rifugiati e perseguitati, per tante famiglie ferite, per le persone senza lavoro, per i poveri, per i malati, per le vittime delle dipendenze, per citare alcune situazioni che sono ogni giorno più urgenti". "Attraverso la preghiera voi, giorno e notte, avvicinate al Signore la vita di tanti fratelli e sorelle che per diverse situazioni non possono raggiungerlo per fare esperienza della sua misericordia risanatrice, mentre Lui li attende per fare loro grazia. Con la vostra preghiera potete guarire le piaghe di tanti fratelli". A braccio, poi, paragona le suore di clausura a quei signori del Vangelo che, "con la faccia tosta scoperchiarono il tetto per portare un malato a Gesù": "Non si vergognarono della loro fede, ebbero la faccia tosta di andare controcorrente. SIate così anche voi". E aggiunge: "La vita di clausura non imprigiona né restringe il cuore, ma piuttosto lo allarga grazie alla relazione con il Signore e lo rende capace di sentire in modo nuovo il dolore, la sofferenza, la frustrazione, la sventura di tanti fratelli che sono vittime di questa 'cultura dello scarto' del nostro tempo". "Che l'intercessione per i bisognosi sia la caratteristica della vostra preghiera - prosegue Francesco -. E quando è possibile aiutateli, non solo con la preghiera, ma anche con il servizio concreto". 


...per l'unità della Chiesa

Ma soprattutto, la preghiera delle suore di clausura fa bene all'unità della Chiesa: "Quanto abbiamo bisogno dell'unità nella Chiesa! Che tutti siamo uno! Che i consacrati siano uno! Che i sacerdoti siano uno! Che i vescovi siano uno! Oggi e sempre! Uniti nella fede. Uniti dalla speranza. Uniti dalla carità. In quell'unità che promana dalla comunione con Cristo che ci unisce al Padre nello Spirito e, nell'Eucaristia, ci unisce gli uni agli altri in questo grande mistero che è la Chiesa". Da qui la richiesta "di pregare molto per l'unità di questa amata Chiesa peruviana, dei consacrati, degli agenti pastorali, dei sacerdoti e dei vescovi. Impegnatevi nella vita fraterna, facendo in modo che ogni monastero sia un faro che possa fare luce in mezzo alla disunione e alla divisione". "Pregate per la Chiesa, per i pastori, per i consacrati, per le famiglie, per quelli che soffrono, per quelli che fanno il male, per quelli che sfruttano i loro fratelli. E in questo lungo elenco di peccatori, non dimenticatevi di pregare per me". 

Terminata la preghiera, il Papa lascia il Santuario per la preghiera ai Santi Peruviani nella Cattedrale di Lima.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
PAPA IN PERÙ

"Lavorate per l'unità della Chiesa"

Il Pontefice ai vescovi peruviani: "Basta divisioni"

Papa Francesco incontra i Vescovi peruviani a Lima Photo © Twitter
E'completamente dedicato alla figura di San Toribio de Mongrovejo (1538-1606), arcivescovo di Lima e patrono dell'episcopato latinoamericano,...
NEWS
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Alcuni dei migranti tratti in salvo
AGRIGENTO

Porto Empedocle: 20 migranti salvati in mare

Tragedia sfiorata: tra le persone tratte in salvo, anche una donna incinta
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola
Scontri a Hong Kong
ASIA

Guerriglia urbana a Hong Kong: 1 ferito

Nuovo lancio di molotov e cariche della polizia sui manifestanti
Religioni per la pace
ECUMENISMO

Sostenere la campagna per l’abolizione delle armi nucleari

La dichiarazione finale della X Assemblea mondiale delle religioni per la pace di Lindau
Vescovato di Avellino
CAMPANIA

Avellino, bomba al vescovato: 3 feriti

Fermato un uomo: Nelson Lamberti, 49 anni, salernitano ma residente a Forino