VENERDÌ 06 LUGLIO 2018, 11:41, IN TERRIS

VATICANO

Migranti morti. Papa: "Troppi silenzi complici"

Celebrata a San Pietro una Messa in ricordo di quanti sono annegati nel Mediterraneo

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco a Lampedusa, luglio 2013
Papa Francesco a Lampedusa, luglio 2013
"D

i fronte alle sfide migratorie di oggi, l'unica risposta sensata è quella della solidarietà e della misericordia; una riposta che non fa troppi calcoli, ma esige un'equa divisione delle responsabilità, un'onesta e sincera valutazione delle alternative e una gestione oculata". Papa Francesco torna sul tema delle migrazioni, e lo fa nell'omelia di una Messa celebrata nella basilica di San Pietro per i cinque anni della sua visita a Lampedusa, per piangere i migranti annegati nel mar Mediterraneo. Presenti quasi 200 immigrati. Per il Papa la politica, nel mondo globale, deve assumersi nuove responsabilià. Ecco allora che, secondo lui, la "politica giusta è quella che si pone al servizio della persona, di tutte le persone interessate; che prevede soluzioni adatte a garantire la sicurezza, il rispetto dei diritti e della dignità di tutti; che sa guardare al bene del proprio Paese tenendo conto di quello degli altri Paesi, in un mondo sempre più interconnesso". "E' a questo mondo - ritiene il Pontefice - che guardano i giovani".

Cinque anni fa, sulla costa di Lampedusa, Papa Bergoglio scandì la parola "vergogna" pensando alle persone morte in acqua mentre provavano ad arrivare sulle coste settentrionali del Mediterraneo a bordo di barconi. Il Vescovo di Roma chiese che il dramma non si ripetesse più, ma "purtroppo - osserva oggi - le risposte a questo appello, anche se generose, non sono state sufficienti, e ci troviamo oggi a piangere migliaia di morti". L'indice del Santo Padre viene puntato idealmente verso qualcuno che non menziona esplicitamente. "In effetti - ha scandito - dovrei parlare di molti silenzi: il silenzio del senso comune, il silenzio del 'si è fatto sempre così', il silenzio del noi sempre contrapposto al voi". Il Signore - ha ricordato - "promette ristoro e liberazione a tutti gli oppressi del mondo, ma ha bisogno di noi per rendere efficace la sua promessa. Ha bisogno dei nostri occhi per vedere le necessità dei fratelli e delle sorelle. Ha bisogno delle nostre mani per soccorrere. Ha bisogno della nostra voce per denunciare le ingiustizie commesse nel silenzio, talvolta complice, di molti. Soprattutto, il Signore ha bisogno del nostro cuore per manifestare l'amore misericordioso di Dio verso gli ultimi, i reietti, gli abbandonati, gli emarginati". Presenti alla Messa anche esponenti delle ong, finite al centro di roventi polemiche dapprima per le inchieste di alcune procure italiane e poi per il braccio di ferro sull'attracco ai porti con il Ministero degli Interni italiano. E il Papa ha ringraziato chi presta soccorso nel Mediterraneo, “per salvare la vita del povero picchiato dai banditi, senza chiedergli chi fosse, la sua origine, i motivi del suo viaggio o i documenti".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La palazzina crollata
CATANIA

Crolla palazzina: evacuate 7 persone

Non ci sarebbero né vittime né feriti, si cercano dispersi in via precauzionale
Le Sardine a Bologna
VERSO LE REGIONALI

Sardine a Bologna: "Siamo 40 mila"

Raduno a una settimana dalle elezioni in Emilia-Romagna. Santori: "Risvegliato il senso civico"

"Fare i fessi" per il Vangelo

Nel Vangelo di questa domenica abbiamo Giovanni che indica l'Agnello di Dio che prende sopra di sé i peccati...
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
Khalifa Haftar e Fayez al-Sarraj
LIBIA

Haftar chiude i terminal di petrolio

Onu: conseguenze devastanti. Sarraj potrebbe disertare la Conferenza di Berlino
I soccorsi a Rigopiano
COMMEMORAZIONE

"Aspettiamo ancora giustizia"

Nel terzo anniversario della tragedia di Rigopiano i familiari delle 29 vittime aspettano di conoscere la verità
Canto liturgico
DIOCESI ALIFE-CAIAZZO

Al via gli appuntamenti "Musica e canto nella Liturgia"

Prevedono sia teoria che pratica spaziando dall'animazione liturgica ai laboratori vocali e strumentali
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Migranti dell'Honduras in viaggio verso gli Usa attraverso il Messico
MESSICO

"Agiamo come il Buon samaritano, la politica è ambigua"

Le parole di mons. Calderón, vescovo di Tapachula, sulla carovana di migranti partita dall'Honduras
Il luogo della sparatoria
UTAH | USA

Sparatoria in una casa a Salt Lake City: 4 morti

C'è anche un ferito, sono tutti membri della stessa famiglia
Unicef in Libia
SOLIDARIETÀ

Libia: decine di migliaia di bambini tra violenze e caos

Lo denuncia Unicef: "Danneggiate circa 30 strutture sanitarie; 200.000 bimbi senza scuola"
Emmanuel Macron
FRANCIA

Parigi, dura contestazione contro Macron

Una trentina di manifestanti tentano un blitz al Theatre Bouffes du Nord: nel mirino la riforma delle pensioni
Laboratorio

La madre di tutte le battaglie

Purtroppo, ormai da molto tempo, gli attacchi ai valori antropologici che costituiscono il fondamento di una...
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...