Arrestate 10 borseggiatrici rom in poche ore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15

Nuovo blitz delle forze dell'ordine nel contrastare scippi e furti nelle metro e nei luoghi turistici della Capitale, dove sono state arrestate dieci borseggiatrici in poche ore.

Gli arresti

Nello specifico, a Fontana di Trevi i carabinieri hanno bloccato 4 ladre, di 19, 20, 29 e 30 anni, nomadi e con precedenti, che dopo aver accerchiato una turista australiana di 23 anni, intenta a fotografare la fontana, l'hanno derubata del portafogli con documenti e 200 euro in contanti.

Nella stazione della metro Cavour, sempre i militari hanno bloccato una 33enne, una 18enne e una 26enne, domiciliate presso il campo nomadi di Castel Romano, che avevano appena derubato una turista spagnola del portamonete con oltre 400 euro in contanti.

Infine, in via Catone – sempre nel centro storico romano – gli agenti dell'arma hanno sorpreso tre nomadi derubare un 61enne dell'Honduras. Le arrestate sono tre donne di 17, 33 e 40 anni, domiciliate in questo caso presso il campo rom di via Sebastiano Vinci.

La minore è stata portata al Centro di accoglienza minori di via Virginia Agnelli; 4 donne sono state sottoposte agli arresti domiciliari mentre le restanti cinque sono state portate in caserma e trattenute in attesa del rito direttissimo. Sono tutte accusate di furto aggravato in concorso. Lo riporta il Messaggero.

Il precedente

La scorsa settimana, sempre a causa dei borseggi, i carabinieri avevano fatto fermare la linea metro A di Roma alla stazione di Piazza di Spagna.  In quel caso, i militari erano dovuti intervenire dopo la segnalazione da parte dei viaggiatori della presenza di quattro nomadi borseggiatrici. Una volta fermate, le donne si sono rifiutate di dare le proprie generalità al personale dell'esercito in servizio che le hanno portate in caserma per l'identificazione. Il servizio sulla metro A – sospeso durante l'intervento delle forze dell'ordine nella tratta Battistini-Re di Roma in direzione Anagnina – è poi ripreso regolarmente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.