MARTEDÌ 11 GIUGNO 2019, 14:36, IN TERRIS


FLUSSI MIGRATORI

Messico, Conferenza episcopale: "Sui migranti è in gioco l'umanità"

Il messaggio dei monsignori sulla situazione migratoria tra i due Paesi americani

GIUSEPPE CHINA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
N

ell'epoca delle migrazioni di massa che provocano morte e dolore, la frontiera che divide Messico e Stati Uniti è senza ombra di dubbio una delle più tristemente famose. E proprio questo è stato il tema al centro dell'ultima Conferenza episcopale messicana. Secondo i vescovi di questo Paese è fondamentale la "non criminalizzazione dei migranti e dei difensori dei diritti umani, che spesso lottano a favore della dignità umana contro corrente, con gravi rischi per la propria incolumità". Parole decise, a favore di coloro che accolgono. E ancora: "Migliaia di migranti stanno aspettando di entrare negli Stati Uniti per fuggire dalla violenza e dalla miseria dei Paesi d’origine. Molti altri sono arrestati e deportati in Messico, in questo momento nell’ambito del programma unilaterale statunitense "Resta in Messico", a causa del quale migliaia di centroamericani stanno aspettando una soluzione alla loro situazione migratoria, esposti a gravi rischi nelle città frontaliere messicane e senza un pieno accesso all’assistenza legale". Ma c'è di più: "Come membri della famiglia umana non possiamo essere indifferenti al dolore che molti di loro vivono e che reclama il nostro aiuto umanitario e il pieno rispetto dei loro diritti".


Il dialogo per superare lo stallo tra Stati Uniti e Messico

I partecipanti alla Conferenza episcopale messicana hanno prospettato soluzioni concrete per sbloccare la situazione, di fatto congelata, tra Stati Uniti e Messico. "Trovare un accordo permanente - hanno auspicato i monsignori - per privilegiare sempre il dialogo e il negoziato trasparente nelle nostre relazioni internazionali". Nel messaggio dei vescovi si conferma la disponibilità della Chiesa a colaborare "con tutte quelle iniziative che consentano di assicurare un cammino di maggior sicurezza e protezione dei diritti umani a coloro che emigrano". Perché: "Sull’accoglienza ai migranti è in gioco la nostra umanità".  


I militari non sono la soluzione

"Dispiegare seimila effettivi della Guardia nazionale alla frontiera Sud - ha scritto il vescovo Rogelio Cabrera López - non è una soluzione radicale che affronti le vere cause del fenomeno migratorio". Dunque sarebbe più opportuno fronteggiare la povertà e la diseguaglianza presenti in Messico, e più in generale nell'America Centrale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio
Salvini arriva a Washington
WASHINGTON

Salvini all'Ue: "Non accettiamo più briciole"

Da Oltreoceano il vicepremier manda un messaggio alle istituzioni europee: "Flat tax sì, fatevene una ragione"
Francesco Belsito
LA SENTENZA

Processo Siram: assolto Belsito

Il pm aveva chiesto 4 anni per l'ex tesoriere della Lega Nord
Luca Poniz
NOMINE

Csm, Poniz: "Politica si assuma responsabilità"

Il neo presidente dell'Anm: "Da tempo criticavo la magistratura associata"
BERGAMO

Travolto al posto di controllo, morto un carabiniere

Investimento nella notte, il conducente forse era ubriaco
INCIDENTI STRADALI

Roma, donna investita da autobus è grave

Sulla ricostruzione della dinamica sta lavorando la Polizia Locale
Paramilitare
AMERICA LATINA

Nicaragua: i paramilitari attaccano due chiese

Lanciate bombe “stordenti” e colpiti i fedeli all'uscita delle celebrazioni eucaristiche
Il blackout
L'EVENTO

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto
LOTTA AGLI STUPEFACENTI

Palermo: sbarca con 21 chili di droga, arrestato

Misura cautelare effettuata nei confronti di un incensurato
Bomba carta (immagine di repertorio)
RIONE SAN GAETANO

Bomba carta e "stesa" a Napoli: scene da guerriglia

L'ordigno artigianale è esploso davanti l'ingresso di una palazzina di via Teano
La petroliera in fiamme nel golfo di Oman
MARE DI OMAN

Attacco alle petroliere: gli Usa valutano l'invio di truppe

Ma il Giappone chiede agli Usa "Prove concrete" contro l'Iran "oltre le speculazioni"
Joshua Wong
ASIA

Hong Kong: è libero il leader degli ombrelli

Scontata la pena di due mesi per le manifestazioni del 2014
Mario Conoci
ELEZIONI COMUNALI IN SARDEGNA

Mario Conoci è il nuovo sindaco di Alghero

Centrodestra in testa anche a Cagliari, il Centrosinistra a Sassari
Lavoro

Zero, qualcosina

In questi ultimi giorni si è data enfasi sulla crescita dell'occupazione in modo tale che i media potessero...