Napoli, crolla il secondo cornicione nel giro di tre giorni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:50

E'una settimana da dimenticare per i calcinacci di Napoli. L'ultimo cedimento è avvenuto in un edificio di vico Mattonelle, nella zona di porta Capuana. Nel nuovo crollo di calcinacci nel centro storico di Napoli è rimasta ferita una donna. Secondo le prime indiscrezioni giornalistiche, si tratta di una ragazza nigeriana, trasportata al pronto soccorso del Cto con un trauma cranico. Il crollo e’ avvenuto ieri sera tardi. Alle 22.35 la ragazza nigeriana e’ arrivata al pronto soccorso dell’ospedale collinare, dove ed è stata effettuata una tac. Riscontrato solo un lieve trauma cranico con una prognosi di guarigione di 5 giorni e, per questo, la paziente e’ stata dimessa.

Il precedente

Sorte ben peggiore per Rosario Padolino, 66 anni, commerciante che gestiva un negozio abbigliamento. Lo scorso sabato è morto dopo essere stato colpito da un cornicione staccatosi dal quinto piano di un palazzo situato in via Duomo. I soccorsi sono stati praticamente inutili, visto che l'uomo è morto subito dopo essere giunto al Centro traumatologico ortopedico. La vittima del tragico incidente era uno dei volti più conosciuti tra gli esercenti della zona. Secondo le prime ricostruzioni, il pezzo di cornicione si sarebbe staccato quando il commerciante stava passeggiando a circa 200 metri dal suo negozio. Il cornicione era già stato imbrigliato e sulla strada è caduta una grande quantità di materiale. La via, dove sono in corso lavori di rifacimento dei marciapiedi, è affollata di turisti.
“L'amore se ne è andato in cielo – ha dichiarato la moglie della vittima, Grazia Ragozzino – e non mi ha salutato. Non ci credo, sono disperata”. Inoltre sono state sgomberate trenta famiglie residenti nel palazzo interessato dal crollo. La magistratura ha autorizzato i lavori di immediata messa in sicurezza della facciata dell'edificio, al termine dei quali tutti i nuclei potranno rientrare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.