MERCOLEDÌ 19 GIUGNO 2019, 17:22, IN TERRIS


LOTTA AL TERRORISMO

In Sri Lanka le religioni unite per la pace

Dopo gli attentati di Pasqua, l'impegno per arginare l'odio

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Statua di Cristo nella chiesa colpita
Statua di Cristo nella chiesa colpita
S

i chiamerà "Consiglio per la riconciliazione tra le religioni" ed avrà l'obiettivo di costruire la convivenza tra le religioni in Sri Lanka. A due mesi dai sanguinosi attentati suicidi avvenuti nelle chiese cristiane di Sant'Antonio a Colombo e di San Sebastiano flagellato a Negombo, nella chiesa protestante di Sion a Batticaloa e in tre hotel della città di Colombo, il primo ministro del Paese, Ramil Wickremesinghe ha annunciato l'istituzione del nuovo organismo, che sarà composto dai leader di tutte le comunità di fede presenti in Sri Lanka. Durante il suo intervento, Wickremesinghe ha riconosciuto nell'iniziativa lo spirito di una tolleranza religiosa che include a ciascuno il diritto di praticare liberamente la propria religione.


Gli episodi di intolleranza

Per il governo dello Sri Lanka, ristabilire la pace risulta essenziale alla luce dei recenti episodi di intolleranza non solo verso le comunità cristiane, ma anche islamiche. Dopo gli attentati di Pasqua, i musulmani sono stati vittime di ripetute violenze. Diversi giorni fa, il governo dello Sri Lanka ha annunciato l'introduzione nuove leggi per reprimere l'incitamento all'odio, con un riguardo per il dilagare di fake news che mettono a repentaglio la riconciliazione tra i gruppi etnici. Stando ai nuovi provvedimenti adottati, i colpevoli di incitamento all'odio via web dovranno scontare cinque anni in prigione e pagare una multa corrispondente a circa 5.000 euro. 

"Sri Lanka attacks: Muslims fearful for their future" - Video © Al Jazeera English


Sulla strada della fraternità

La proposta di un consiglio per la riconciliazione è stata avanzata dai rappresentanti dei monaci buddisti, che esprimono il credo maggioritario nel Paese. Il messaggio assume un ruolo essenziale alla luce della matrice islamista degli attentati. Stando a quanto dichiarato dalle autorità, le mani degli attacchi alle chiese appartengono al National Tawhid Jamaat, un gruppo jihadista locale legato al sedicente stato islamico (Is). In una lettera inviata alle comunità religiose e politiche del Paese all'indomani degli attentati, il cardinale Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don aveva fatto appello alla fraternità come elemento essenziale alla pace: "Il nostro obiettivo comune è stato quello di far progredire i diritti politici, sociali, economici e culturali della popolazione promuovendo la pace, l'armonia e la giustizia sociale per tutti". 


Riaprono i luoghi di culto

In una dichiarazione rilasciata all'agenzia Fides, Robert Thilakaratne, laico cattolico locale, ha salutato l'iniziativa del Consiglio per la riconciliazione religiosa quale una "scelta saggia e gradita del governo, che servirà a promuovere la solidarietà, la comprensione, l'armonia, la pace e la fratellanza". Un segno di distensione e speranza è stato dato dalle autorità qualche giorno fa, con la recente riapertura al pubblico del santuario di Sant'Antonio di Kochchikade, una delle chiese coinvolte nell'attacco dinamitardo. La concelebrazione eucaristica, in occasione della ripresa del culto, è stata presenziata dal cardinale Patabendige Don, che ha voluto ricordato le vittime degli attentati, definendole "santi".

"Sri Lanka, santuario di Sant'Antonio: dalla strage alla riapertura" - Video © Vatican News

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
L'ente pubblico che riscuote i tributi
ECONOMIA

Partito l'evasometro: monitora i conti correnti degli italiani

Vaglierà i movimenti e li metterà a confronto con la dichiarazione dei redditi. Strumento retroattivo fino a 5...
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
Scozzesi in abiti tradizionali sventolano la St. Andrew's Cross
L'ANNIVERSARIO

IndyRef, la Scozia a cinque anni dalla scelta pro-Uk

Dall'exploit post-voto dell'Snp allo scetticismo per il Ref2. Ma la Brexit è un'incognita che continua a...
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande
Papa Francesco - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Papa Francesco: "Senza Dio, i governi cadono"

La catechesi del Pontefice sul discernimento e l'opposizione del potere
La stazione Centrale di Milano
MILANO

Aggredisce militare e grida "Allah Akbar": "Volevo essere ucciso"

Espulso dalla Germania, non risulterebbero legami con il terrorismo. L'uomo, irregolare in Italia, è yemenita