MERCOLEDÌ 10 APRILE 2019, 11:40, IN TERRIS


PIAZZA SAN PIETRO

"Come abbiamo bisogno del pane, così abbiamo bisogno del perdono"

Durante l'udienza generale il Pontefice ha contnuato le catechesi sul Padre nostro

ANGELA ROSSI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"L

a giornata non è tanto bella, ma buonagiorno lo stesso". Così Papa Francesco ha saluttato i circa 14 mila fedeli che, nonostante la pioggia si sono radunati in piazza San Pietro per assistere all'udienza generale. Il Pontefice, continuando il ciclo di catechesi sul Padre nostro, oggi ha parlato dell'invocazione "Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori". 


Ogni giorno abbiamo bisogno del perdono

"Come abbiamo bisogno del pane, così abbiamo bisogno del perdono. E questo ogni giorno", ha affermato il Pontefice, spiegando che il cristiano che prega, innanzitutto chiede a Dio che vengano rimessi i suoi peccati. "Questa è la prima verità di goni preghiera: fossimo anche persone perfette, fossimo anche dei santi cristallini che non deflettono mai da una vita di bene, restiamo sempre dei figli che al Padre devono tutto". 


Evitare orgoglio e superbia

Ma, ha chiesto il Pontefice, qual è l'atteggiamento più pericoloso per ogni vita cristiana? "E' l'orgoglio. E' l'atteggiamento di chi si pone davanti a Dio pensando di avere sempre i conti in ordine con lui - ha spiegato -. L'orgoglioso crede che ha tutto al suo posto. Come quel fariseo della parabola, che nel tempio pensa di pregare ma in realtà loda sé stesso davanti a Dio: 'Ti ringrazio Signore perché non sono come gli altri'. La gente che si crede perfetta, la gente che critica gli altri, è orgogliosa: nessuno di noi è perfetto, nessuno". Papa Francesco, inoltre, ha spiegato che ci sono peccati che si vedono e alcuni non visibili, peccati eclatanti che fanno rumore, ma anche peccati subdoli che si possono annidare nei nostri cuori senza che ce ne rendiamo conto. "Il peggiore di questi è la superbia, l'orgolgio e la superbia, è più o meno lo stesso, che può contagiare anche le persone che vivono una vita religiosa intensa". Papa Francesco ha voluto anche sottolineare che "è il peccato che divide la fraternità, che ci fa presumere di essere migliori degli altri, che ci fa credere di essere simili a Dio". "E invece davanti a Dio siamo tutti peccatori e abbiamo motivo di batterci il petto, tutti, come quel pubblicano del tempio. San Giovanni, nella sua prima Lettura, scrive: 'Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi'. Se tu vuoi ingannare te stesso, dì che non hai peccato: ti stai ingannando". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La parrocchia di don Jacques Hamel
ANNIVERSARIO

Saint-Étienne ricorda Padre Jacques Hamel

Il calendario delle iniziative per commemorare il sacerdote ucciso dai terroristi
Bruno Siciliano, docente della Federico II e alle spalle il robot RoDyMan

A Ravello prova di cyber-orchestra

Dal podio il robot RoDyMan dirige il concerto delle Conservatorio “Martucci”
Il presidente dimissionario dell'Anac, Raffaele Cantone
POTERE GIUDIZIARIO

Cantone lascia l'Anac

L'annuncio del Presidente in una lettera: "L'Autorità ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma è...
Il grattacielo della Regione Piemonte
INCHIESTA

Grattacielo Regione Piemonte: 10 indagati

Notificato l'avviso di chiusura indagini per l'inchiesta sulla nuova sede regionale
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
La palazzina andata distrutta
PORTOFERRAIO

Esplode casa all'Isola d'Elba: 1 morto

Tre persone sono state estratte vive, ma ferite. Una donna è dispersa
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti