Vaccino, il Lazio annuncia la terza dose: “Inizia chi ha ricevuto un trapianto”

Il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, annuncia il via tre giorni dopo l'ok dell'Aifa: "Continuiamo a mettere in sicurezza la vita e il futuro"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:19
Lazio Covid vaccino

Sarà il Lazio la prima regione a partire con la terza dose di vaccino. Ad annunciarlo è il governatore Nicola Zingaretti, in un tweet che annuncia la strategia vaccinale regionale. “Il Lazio parte con la terza dose di vaccino – scrive l’ex segretario del Partito democratico -. Dalla prossima settimana iniziamo con chi ha ricevuto un trapianto e che saranno contattati dal sistema sanitario regionale. Continuiamo a mettere in sicurezza la vita e il futuro”. Una decisione che arriva dopo il via libera dell’Aifa, che aveva stabilito la somministrazione della dose addizionale di vaccino “dopo almeno 6 mesi dall’ultima”. Nei casi, però, di anziani over 80. Per i soggetti in condizione di immunosoppressione clinicamente rilevante, l’intervallo è stato indicato in 28 giorni.

Chi attende la terza dose

Ecco perché si comincerà con chi ha subito un trapianto. Nella categoria degli immunosoppressi, infatti, rientrano proprio i trapiantati di organo solido e anche i soggetti che, nella valutazione clinica, presentino “un livello di immunocompromissione assimilabile“. Persone quindi di estrema fragilità che, sul territorio nazionale, sarebbero presenti nel numero di 500 mila circa. Il prossimo passo dovrebbe riguardare gli over 80 (poco più di 4 milioni di persone), a dicembre, per poi passare agli ospiti delle Rsa (350 mila circa) e, infine, agli operatori sanitari a gennaio (1,85 milioni).

Oltre il Lazio: la situazione del virus

Come spiegato dal ministro della Salute, Roberto Speranza, le direttive dovrebbero arrivare proprio nei primi giorni di questa settimana. A confermarlo è anche l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, secondo il quale “verrà pubblicata la circolare con le specifiche delle persone con fragilità immunitaria da cui partiremo con la somministrazione della terza dose“. Nel frattempo, l’ultimo bollettino sul Covid ha segnalato 4.664 positivi nelle ultime 24 ore (a fronte di 267.358 tamponi), con 34 vittime (57 nella giornata di sabato). Il tasso di positività si porta all’1,7%, in lieve aumento rispetto all’1,6% della giornata precedente. Sono 559 i pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.