Ucraina, due morti in un attacco contro Kramatorsk

Nel raid sono rimaste ferite 13 persone e sono stati danneggiati almeno 20 edifici, secondo il capo dell'amministrazione militare della regione di Donetsk Pavlo Kyrylenko

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:02
bambini
Donetsk 05/06/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: bombardamenti ONLY ITALY

La guerra in Ucraina, che ha avuto inizio lo scorso 24 febbraio, giunge al suo 170esimo giorno e continua a crescere il numero delle vittime civili nel conflitto.

Kramatorsk

Le forze russe hanno sferrato un attacco contro la città di Kramatorsk, nella regione di Donetsk, colpendo un quartiere residenziale, con due vittime e 13 feriti. Il raid è stato reso noto su Telegram dal sindaco della città Oleksandr Honcharenko, citato dal giornale Ukrainska Pravda. Il capo dell’amministrazione militare della regione di Donetsk Pavlo Kyrylenko ha riferito il numero di morti e feriti, aggiornando quanto detto dal sindaco. Il raid ha danneggiato almeno 20 edifici e provocato un incendio nel quartiere, ha aggiunto.

Zaporizhzhia

Le forze russe hanno attaccato la città di Zaporizhzhia, colpendo una stazione di servizio e delle infrastrutture nel distretto di Shevchenkivskyi, ha riferito su Telegram Anatoliy Kurtiev, sindaco ad interim di Zaporizhzhia, citato dall’agenzia di stampa Ukrinform. Ci sono anche notizie in fase di verifica su esplosioni alla periferia della città. In precedenza, Oleksandr Starukh, capo dell’amministrazione militare regionale di Zaporizhzhia, aveva scritto su Telegram che cinque missili erano stati lanciati contro Zaporizhzhia. Sarebbe scoppiato un incendio e, secondo prime informazioni, una donna sarebbe stata ferita, ma queste notizie sono da verificare, scrive Ansa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.