Donald Trump accetta la sfida e attacca Biden “La scelta è tra il sogno americano e il socialismo”

Decine di manifestanti fuori dalla Casa Bianca protestano contro Trump, mentre dentro la folla di invitati applaude ad ogni passaggio del tycoon

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:04
Trump

Continua la convention repubblicana di Donald Trump in vista delle elezioni del prossimo presidenziali degli Stati Uniti previste per il prossimo 3 novembre. Nella quarta serata di Convention trumpniana l’attuale presidente accetta ufficialmente la nomination repubblicana e attacca a testa bassa il rivale che lo sfiderà nelle urne.

“L’agenda di Joe Biden è ‘made in China’, la mia è ‘made in Usa’” afferma Trump davanti a oltre un migliaio di persone riunite sul prato della Casa Bianca, senza rispetto del distanziamento sociale e senza mascherine.

‘Make America Great Again’

“Se Joe Biden sarà eletto sarà colui che distruggerà la grandezza dell’America”, assicura il tycoon che sullo slogan ‘Make America Great Again’ ha costruito la sua fortuna politica. “Biden può affermare di essere ‘alleato della luce’, ma quando si tratta del suo programma ci vuole mantenere completamente al buio”, ha aggiunto affermando che “nessuno sarà al sicuro nell’America di Biden”.

Ivanka Trump, l’erede del padre Donald

Introdotto dalla figlia Ivanka, che con il suo intervento di fatto si candida a succedere al padre, Trump promette dieci milioni di posti di lavoro in dieci mesi, il taglio delle tasse e il ripristino dell’ordine e della legalità nelle città travolte dalle proteste, oltre al vaccino anti-Covid entro la fine dell’anno.

Ma il suo è un intervento prevalentemente mirato a colpire lo sfidante Biden, quasi in maniera ossessiva. “É il cavallo di Troia della sinistra estrema. Queste – ha spiegato – sono le elezioni più importanti nella storia del nostro Paese: ci sono due visioni, due filosofie, dovete decidere tra il sogno americano e l’agenda socialista“.

Le manifestazioni fuori la Casa Bianca

“Il vostro voto – ha insistito il tycoon – deciderà se proteggiamo le leggi o se diamo carta bianca agli anarchici violenti, agli agitatori, ai criminali che minacciano i nostri cittadini”. Fuori dalla Casa Bianca decine di persone si sono radunate per protestare contro il presidente, mentre dentro la folla di invitati applaude ad ogni passaggio del tycoon e gli regala diverse ovazioni.

Ma la vera star della serata è Ivanka. Elegante, sicura di sé, con un discorso teso a umanizzare l’immagine di un tycoon dal carattere ruvido e istintivo. “Mio padre si batte per le famiglie, non per le elite – ha detto -. É lui che ha cambiato Washington, non viceversa. Lui è il difensore del buon senso, è il paladino della gente comune“, assicura Ivanka, mentre gli invitati scandiscono il coro ‘four more years’. Anche quando tra gli eroi americani cita David Crockett e Buffalo Bill.

L’intervento di Rudi Giuliani, avvocato del tycoon

C’è spazio anche per l’intervento del controverso Rudi Giuliani. Ex sindaco di New York ai tempi degli attentati dell’11 settembre 2001. Oggi avvocato personale del tycoon coinvolto nelle oscure trame del Russiagate. “Non lasciate che l’America diventi come la New York di oggi, diventata illegale e violenta grazie ai democratici”. Alla fine lo show della convention trumpiana si chiude con degli spettacolari fuochi d’artificio che illuminano a giorno il National Mall di Washington.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.