Tragedia di Rigopiano: cosa rivela uno studio

Lo studio spiega se ci sia stata o meno una correlazione tra i terremoti e la valanga che poi ha travolto l'hotel di Farindola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:46

Il 18 gennaio 2017, poco prima delle 17, una valanga di neve e detriti si staccò dal monte Siella e travolse l’hotel Rigopiano. Il restort che in quel momento ospitava 40 persone (28 ospiti, di cui quattro bambini, e 12 dipendenti), venne investito da una massa di neve e ghiaccio del peso di 120 mila tonnellate. Nei giorni prima alla tragedia, una nevicata straordinaria aveva interessato la zona, rendendo la provinciale che va dall’hotel al bivio Mirri impercorribile. Inoltre, la mattina del 18 gennaio, si verificarono anche quattro scosse di terremoto, con epicentro nell’aquilano. Poco prima delle 17, il blocco di neve e ghiaccio si staccò dalla montagna alle spalle del resort, realizzato a 1.200 metri sul versante pescarese del Gran Sasso. L’hotel fu travolto completamente e spostato a valle di circa dieci metri.

Lo studio sul terremoto e la valanga

Ora uno studio, cerca di far chiarezza sulla relazione tra il terremoto e la valanga che ha travolto il resort di Farindola causando la morte di 29 persone. La ricerca realizzata dal professore Nicola Pugno, dell’Università degli Studi di Trento, esperto della meccanica della frattura, che sarà pubblicato nelle prossime ore sulla rivista Matter, della casa editrice Cell Press, evidenza che il terremoto non ha avuto, con grandissima probabilità, alcuna incidenza sulla valanga. L’esperto Nicola Pugno conclude che ad oggi non vi è alcuna evidenza di un ruolo del terremoto sul distacco della valanga, confutando la tesi opposta sostenuta da alcuni professori dell’Università D’Annunzio di Chieti-Pescara, consulenti tecnici degli imputati, secondo cui i terremoti avrebbero invece rivestito un ruolo dirimente. Gli autori di quest’ultimo studio, assumendo che il terremoto sia come concomitante al distacco della valanga, calcolano l’altezza di neve che congiuntamente al sovraccarico del terremoto provocherebbe il distacco della valanga e assumono questo scenario arbitrario come quello accaduto.

Le considerazioni degli autori dello studio

Il prof. Pugno dimostra che “il loro ragionamento porta all’assurdo che ogni terremoto (o anche ogni minima vibrazione) risulterebbe causa di distacco di una valanga successiva, anche di anni”. Oltre all’assenza di evidenza scientifica di correlazione terremoto-valanga di Rigopiano, altri quattro sono i punti chiave dello studio del docente trentino. Intanto secondo lo studio è improbabile che il terremoto abbia avuto un ruolo nel distacco della valanga, poiché esso avrebbe dovuto generare una fessura sufficientemente lunga, ma che non si è propagata durante il terremoto stesso (lo ha fatto solo in seguito). Si è poi dimostrato che questi terremoti hanno prodotto dei sovraccarichi sul manto nevoso preesistente che, espressi in termini di spessore, sono equivalenti solo a pochi centimetri di neve fresca.

Dato che nelle ultime 72 ore antecedenti la valanga ne sono caduti circa tre metri nella zona del distacco, risulta evidente come l’effetto di tali terremoti sia stato – a prescindere da ogni altra considerazione – trascurabile rispetto a quello, peraltro prevedibilissimo, anche perché in atto, della nevicata. Infine, si legge nello studio, anche assumendo, inverosimilmente, che il sovraccarico di uno di questi terremoti abbia innescato la valanga (il che significa, alla luce di quanto detto sopra, che la valanga si sarebbe innescata con un sovraccarico equivalente di pochi centimetri di neve), questa si sarebbe probabilmente comunque distaccata nelle seguenti due ore anche in assenza di terremoto, rispetto all’ora in cui si distaccò quel giorno, durante le quali sono infatti scesi altri circa dieci centimetri di neve fresca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.