I tornado devastano gli Usa: decine di morti e dispersi

Gravissimi danni in Kentucky, Illinois e Arkansas. Almeno sei stati degli Usa interessati dagli effetti dei violentissimi venti: 83 le vittime accertate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:28
Tornado Usa

Scenari apocalittici nell’area centro-orientale degli Stati Uniti, dove la furia dei venti si è abbattuta con violenza, spazzando via interi centri urbani. Una serie di tornado, nella giornata di ieri, ha investito almeno sei Stati degli Usa, provocando decine di vittime e altrettanti dispersi. Il bilancio, al momento, dice di 83 vittime del vento e di un numero imprecisato di persone non ancora rintracciate. Le cifre sono state rivelate dai servizi di soccorso, impegnati da ore a scavare fra i rottami delle cittadini devastate dai tornato. La cittadina di Mayfield, nel Kentucky, ha subito i danni peggiori ma anche altre città hanno fatto i conti con un drammatico bilancio.

I danni dei tornado

Secondo quanto riferito dalla Cnn, in Arkansas si è abbattuto un tornado particolarmente violento che ha spazzato via anche una casa di riposo a Monette. Nel Mississippi, invece, una vittima è stata registrata in un minimarket di Leachville, dove era rimasta intrappolata assieme ad altri clienti. Gravi danni anche a un magazzino di Amazon a Edwardsville, in Illinois. Altri gravissime conseguenze dei venti anche nel Missouri e in Tennessee. Oltre 55 milioni di persone sarebbero state interessate dagli effetti dei tornado, quasi 160 mila delle quali sono rimaste senza corrente elettrica. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha fatto sapere che la piena contezza delle vittime ancora non c’è. Il timore è che ve ne possano essere oltre un centinaio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.