Allo Spallanzani vaccinati contro il Covid i primi 5 bambini

Al via le vaccinazioni pediatriche nella fascia d'età 5-11 anni. L'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato: "Oggi saranno vaccinati un migliaio di bambini"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:31

Partono le vaccinazioni pediatriche per i bambini di età tra i 5 e gli 11 anni. Hanno tra i 6 e i 9 anni i primi cinque bambini che sono stati vaccinati contro il Covid all’Istituto Spallanzani di Roma. “Il vaccino è sicuro , serve ai bambini, soprattutto ai fragili e a chi vive con i fragili”, ha dichiarato il direttore dello Spallanzani Francesco Vaia. “Oggi nel Lazio saranno vaccinati un migliaio di bambini”, ha detto l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.

D’Amato: “Primi bambini vaccinati in Italia”

“Sono bambini tra i 6 e 9 anni e sono i primi vaccinati in Italia. La somministrazione è avvenuta alle 15”, ha detto ancora l’assessore della giunta Zingaretti. “I nostri operatori si sono trasformati in clown per far vivere questo momento come una festa”. “Saranno un migliaio i bambini vaccinati oggi. Erano previsti 900 reclutati dai pediatri, ma tanti stanno arrivando di spontanea volontà. Il primo vaccinato è un bimbo di 5 anni qui allo Spallanzani e sta bene”, ha aggiunto D’Amato.

Vaia: “I bambini hanno coraggio”

“Oggi siamo i primi in Italia a vaccinare i bambini, abbiamo messo in campo il meglio”, ha affermato il direttore dello Spallanzani. “I bambini sono coraggiosi, stanno reagendo benissimo, molto più degli adulti”. Vaia ha inoltre spiegato che “il vaccino è sicuro serve ai bambini, soprattutto ai fragili e a chi vive con i fragili. Non bisogna utilizzarli dicendo che vanno vaccinati per proteggere gli adulti”. “Mi sono sentito molto più nonno che direttore, quando ho accompagnato i primi cinque nella sala vaccinale. Uno di loro mi ha regalato un biglietto con un disegno di Babbo Natale“, ha concluso il direttore dello Spallazani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.