Severodonetsk, una bambina tra le vittime dei bombardamenti. Zelensky visita i militari nella regione di Kharkiv

L'evacuazione, ha spiegato il capo dell'amministrazione militare civile locale Oleksandr Striuk, è "molto pericolosa"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35
Bucha 04/04/2022 - guerra in Ucraina / foto ufficio stampa Presidente Ucraina/Imago/Image nella foto: Volodymyr Zelensky ONLY ITALY

Nel novantacinquesimo giorno di guerra in Ucraina, continuano i combattimenti nell’area di Severodonetsk, nell’Ucraina orientale, così come continua a salire il numero delle vittime civili. Il presidente ucraino Il presidente ucraino Voldymyr Zelensky, ne dà notizia Ukrainska Pravda, è andato nella regione di Kharkiv dove ha visitato le postazioni delle truppe e fatto un sopralluogo alle infrastrutture distrutte dell’area. Pesanti attacchi russi con bombe e mortai negli oblast di Sumy e Chernihiv. “Oggi la Russia ha colpito le regioni settentrionali dell’Ucraina 10 volte”, ha riferito il servizio di guardia di frontiera, citato dal Kyiv Independent.

Mykolaiv

Un civile è morto e altri due sono rimasti feriti questa mattina a Mykolaiv pesantemente bombardata dai russi. Nuove esplosioni sono state udite nel pomeriggio in città, ha reso noto su Telegram il sindaco Oleksandr Sienkevych citato da Ukrinform. “Gli occupanti russi hanno di nuovo aperto il fuoco su un’area residenziale. Tre condomini sono stati danneggiati. Due civili sono stati feriti. Una persona è morta. Al momento esplosioni possono essere ancora udite”, ha scritto Syenkevych.

La visita

Zelensky, in visita regione di Kharkiv, ha consegnato premi e doni ai militari, riporta Ukrainska Pravda. Secondo le autorità locali 2.229 abitazioni sono state distrutte, il 31% della regione è occupato e il 5% è stato liberato dagli invasori russi. “Provo un orgoglio sconfinato per i nostri difensori. Ogni giorno, rischiando la vita, combattono per la libertà per l’Ucraina. Grazie a ciascuno di voi per il vostro servizio!”, ha postato Zelensky su Facebook. E’ la prima volta dall’inizio dell’invasione russa che il presidente ucraino si reca nell’est.

Esplosioni

Forti esplosioni sono state udite questo pomeriggio a Kharkiv, nell’est dell’Ucraina: lo riporta Canale 24. L’allarme nella città è scattato alle 12:32 ora locale (le 13:32 in Italia) e subito dopo ci sono state le esplosioni. Allo stesso tempo, a partire dalle 12:45 ora locale (le 11:45 in Italia) le sirene anti-aeree hanno suonato nelle città di Poltava, Dnipro, Zaporizhzhia, Lugansk, Cherkasy, Kropyvnytskyi, oltre alla regione di Kiev e la stessa capitale.

La situazione a Severodonetsk

Sessanta case sono state distrutte nella regione e due persone, inclusa una bambina, sono state trovate morte tra le macerie, ha detto oggi il capo dell’amministrazione militare della regione di Lugansk Serhiy Gayday. Da parte sua, il capo dell’amministrazione militare civile locale Oleksandr Striuk, ha spiegato che “i continui bombardamenti” hanno reso sempre più difficile entrare o uscire dalla regione, sottolineando che l’evacuazione è “molto pericolosa” e la priorità viene data ai feriti.

Altri attacchi

Intanto, ha reso noto l’esercito ucraino, a Sloviansk – a un’ottantina di chilometri a ovest di Severodonetsk – la Russia ha effettuato “un’intensa ricognizione” sulla città e la periferia, ed ha condotto attacchi aerei nell’area di Dovhenke. Inoltre, si registrano bombardamenti di artiglieria su infrastrutture civili nelle vicine Bohorodychne e Sviatohirsk. Sempre a est, i militari hanno riferito di nuovi attacchi russi alle infrastrutture civili nelle città e nei villaggi tra Kharkiv e il confine russo. Tra le località colpite vi sono Ruski Tyshky, Petrivka e Ternova.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.